Maurizio Gasparri contro il monologo di Favino a Sanremo: ‘Buonismo da 300mila euro’

L'esponente di Forza Italia si scaglia contro il monologo dell'attore nella serata conclusiva del Festival di Sanremo basato su un testo teatrale che racconta il dolore dei migranti. Dopo il tweet, poi rimosso, l'intervento a La7: 'Troppo buonismo in Italia'

Pubblicato da Lorena Cacace Lunedì 12 febbraio 2018

Maurizio Gasparri contro il monologo di Favino a Sanremo: ‘Buonismo da 300mila euro’
Ansa

A Maurizio Gasparri non è proprio piaciuto il monologo di Pierfrancesco Favino a Sanremo. L’attore, nel corso della serata conclusiva, ha recitato un brano tratto dall’opera teatrale “La notte poco prima delle foreste” del drammaturgo e regista francese Bernard-Marie Koltès del 1977, dedicato alle sofferenze e ai dolori dei migranti. Il pezzo, già portato da Favino a teatro, ha scosso le coscienze, da una parte e dall’altra dello schieramento politico. Tra chi proprio non l’ha digerito c’è Gasparri, esponente di Forza Italia da sempre contro gli immigrati. Dopo il tweet in cui ha definito Favino “penoso”, il candidato nel Lazio, l’ex AN e già ex MSI, si è scagliato contro l’attore dagli studi de “L’aria che tira” su La7, parlando di “buonismo a tutti i costi” per chi ha preso 300mila euro lordi. “Che ne desse un po’ in beneficenza”.

Incalzato dalla conduttrice Myrta Merlino che gli chiede il perché della definizione di “buonismo”, il candidato al Senato si spiega. “A me non piace la recita che deve anche imitare lo straniero”, dice riferendosi alla performance di Favino. “Quel pezzo di recita teatrale, messo lì, sembra un’ulteriore predica di buonismo quando oggi in Italia c’è il problema un problema di immigrazione che va regolato”.

gasparri favino sanremo