Ieri Oggi italiani, il nuovo ‘salotto’ di Rete4

Al via l'atteso programma condotto da Rita Dalla Chiesa in seconda serata

Maria Elisabetta Santon Critico televisivo Venerdì 6 aprile 2018 News Spettacoli, Personaggi TV, Spettacoli, Televisione
Segui autore:
Ieri Oggi italiani, il nuovo ‘salotto’ di Rete4

rita dalla chiesa e maurzio costanzo

E’ tornata sul piccolo schermo Rita Dalla Chiesa e lo ha fatto con un programma dalla firma più che autorevole: quella di Maurizio Costanzo. Ieri Oggi italiani è il titolo del nuovo talk di costume in onda nella seconda serata del lunedì su Rete 4.

Ciascuna puntata è dedicata ad un tema che viene discusso in ogni sua sfaccettatura per mettere in luce come, nel corso dell’ultimo secolo e oltre, si sia trasformata la nostra società. Ad aprire le danze è stato il tema dell’Amore, nelle settimane successive si parlerà di sport, cibo, famiglia e tanti altri aspetti che riguardano la nostra quotidianità.

Al giornalista Roberto Olla il compito di affrontare l’argomento della serata dal punto di vista storico/culturale senza farsi mancare chicche curiose. Il dibattito, arricchito da filmati d’epoca e attuali, viene animato da ospiti noti che commentano e raccontano le proprie esperienze personali.

E poi c’è l’opinionista Turchese Baracchi che rappresenta un po’ la vox populi, anche se propriamente sconosciuta al pubblico televisivo non è: il suo è un volto già noto agli affezionati di Forum. Il tutto gestito da una Rita Dalla Chiesa che, sebbene tradisca una certa emozione all’inizio della prima puntata, conduce con il suo consueto stile garbato e pacato.

Un clima da salotto a cui contribuisce anche la musica del duo piano-sax che intona le melodie di alcune famosissime canzoni che richiamano il tema trattato. Atmosfera che stride un po’ con l’impostazione dello studio: gli ospiti prendono posto dietro ad una sorta di scrivania che ha quasi dell’accademico e che poco si concilia con il tenore delle conversazioni.

Ieri Oggi italiani è un programma leggero, più salottiero che culturale. E, forse, tenere viva l’attenzione dello spettatore per un’ora e mezza con conversazioni così, è un obiettivo troppo ambizioso anche per i volti più storici e affermati della tv.