Referendum Costituzionale del 4 dicembre 2016: cosa e perché si vota?

Prima puntata con le videospiegazioni sul referendum costituzionale

Prof. Edmondo Mostacci Docente di Diritto Costituzionale Giovedì 27 ottobre 2016 News Politica, Politica, Referendum, Referendum Costituzionale 2016
Segui autore:

Quante ne sai sul Referendum Costituzionale? Il prossimo 4 dicembre saremo chiamati a esprimerci in sede referendaria sul testo della riforma della nostra Costituzione approvato recentemente dal nostro Parlamento. Il senso di questi video è quello di fornire a tutti i cittadini quelle informazioni necessarie e sufficienti a meglio comprendere il testo della riforma onde esprimere in modo più consapevole il proprio voto. Inizieremo da una prima domanda ‘Cosa e perché si vota‘, nei prossimi video invece andremo a analizzare le singole parti di cui la riforma costituzionale si compone.

COSA SI VOTA?
Cosa si vota è presto detto: il nostro Parlamento ha adottato un testo di revisione della seconda parte della Costituzione e i cittadini sono chiamati a esprimere o a negare il proprio consenso affinché esso entri in vigore. Ciascun cittadino è quindi chiamato a valutare se il testo della Costituzione oggi vigente sia preferibile o meno rispetto al testo per come sarebbe all’indomani dell’entrata in vigore della riforma

PERCHE’ SI VOTA?
La Costituzione è quel testo che disciplina i principi fondamentali della nostra convivenza civile, motivo per cui la sua revisione non può essere affrontata e operata come una normale legge. Al contrario serve un atto normativo particolare che si chiama Legge di Revisione Costituzionale, la quale richiede un procedimento di approvazione più lungo, più complesso e complicato rispetto al normale iter di approvazione delle leggi. Da questo punto di vista il nostro Costituente ha previsto due grandi possibilità. La prima è che sul testo della revisione costituzionale si trovi in Parlamento una maggioranza particolarmente ampia. Altrimenti, se una tale maggioranza non viene raggiunta – come non è stata raggiunta nei mesi precedenti, da parte del nostro Parlamento – il testo di revisione è sottoposto a un giudizio finale degli elettori affinché esso entri o meno in vigore. Motivo per cui il prossimo 4 dicembre siamo chiamati a operare una valutazione comparativa – il testo attualmente in vigore oppure il testo per come è riformato – e a dichiarare attraverso l’esercizio del nostro diritto di voto, quale secondo noi sia il testo preferibile.

Clicca qui per vedere le altre video-spiegazioni del Prof. Mostacci sulla riforma costituzionale