Inquinamento: accendiamo il cervello e spegniamo le luci inutili

A volte problemi semplici possono essere ridimensionati con soluzioni semplici

Inquinamento: accendiamo il cervello e spegniamo le luci inutili
Foto di Billion Photos/Shutterstock.com

Vivo a Milano da oltre 10 anni e periodicamente sfoglio con la consueta rassegnazione i consueti report sul consueto inquinamento dell’aria. Milano sfora sistematicamente i limiti imposti per le polveri sottili e la colpa viene tradizionalmente attribuita alle auto.

Ma come ha dimostrato NanoPress tramite un mirabile articolo del collega Fabio Psoroulas, le auto sono solo parzialmente responsabili dell’inquinamento atmosferico, mentre gran parte del problema è causato dai riscaldamenti degli immobili.

Oggi voglio puntare il dito su un piccolo malcostume milanese (certamente attuato anche altrove) che, per quanto modesto, contribuisce a peggiorare la situazione: in certi palazzi di Milano le scale condominiali sono illuminate (senza motivo) dal tardo pomeriggio all’alba, sia in inverno quando il sole tramonta alle 17:00 che in estate quando la luce solare è abbagliante anche all’ora di cena.

Periferia est di Milano, ore 00:45. Diversi palazzi con scale condominiali illuminate a giorno

E’ certamente rassicurante tornare a casa a notte fonda e trovare le scale illuminate a giorno, ma è altrettanto inutile quanto dispendioso e inquinante. Si aggiunga poi che diversi condomìni utilizzano ancora le vecchie lampadine a incandescenza. Basterebbe utilizzare a tappeto un sistema più razionale: un pulsante che, una volta premuto, permetta di illuminare il pianerottolo al bisogno per uno o due minuti al massimo.

Anni fa ho sottoposto la questione all’amministratore del mio condominio e non ho cavato un ragno dal buco.
Solo nel mio isolato saranno almeno una ventina i palazzi che tengono le lampadine accese per 12 ore al giorno. Si moltiplichi l’inutile malcostume per le migliaia di palazzi in cui si fa lo stesso e ci si renda conto di quanti milioni di euro vengano inutilmente bruciati e di quanto inquinamento venga prodotto in maniera ingiustificata.

A volte problemi semplici possono essere ridimensionati con soluzioni semplici. Mi scuso per la banalità della proposta, ma in questo caso basterebbe accendere il cervello e spegnere qualche lampadina.