Esplosione a Parigi, operata Angela Grignano. Il fratello dell’italiana ferita: “Sta bene”

ASCOLTA L'ARTICOLO

Terza operazione alla gamba per la 24enne di Trapani, rimasta gravemente ferita nello scoppio in rue de Trevise; ritrovato il cadavere di un'altra donna, sale a 4 il bilancio dei morti, 50 i feriti

Pubblicato da Lorena Cacace Lunedì 14 gennaio 2019

Esplosione a Parigi, operata Angela Grignano. Il fratello dell’italiana ferita: “Sta bene”
Angela Grignano in una foto tratta dal suo profilo Facebook/Ansa

È stata operata per la terza volta alla gamba Angela Grignano, l’italiana rimasta coinvolta nell’esplosione a Parigi. La 24enne di Trapani è stata sottoposta a un nuovo intervento alla gamba sinistra nella speranza di salvargliela. I familiari sono riusciti a vederla per un attimo prima dell’operazione e hanno dato notizie confortanti alla stampa; il fratello, Don Giuseppe, nella capitale francese con i genitori, ha dichiarato che i medici sono contenti di come è andato l’intervento e sono ottimisti. “Ci hanno rassicurato che l’operazione è andata più che bene. Ci hanno detto che sono riusciti a ricostruire tessuti e arterie più di quanto immaginavano e sono molto soddisfatti”, ha dichiarato il parroco.

Prima dell’intervento, Angela è stata risvegliata dal coma farmacologico e ha visto e riconosciuto i parenti, a partire dalla nonna, al suo fianco nella camera d’ospedale.

La giovane si era trasferita a Parigi da un mese e mezzo per cercare di sfondare nel mondo dello spettacolo e aveva trovato lavoro presso l’hotel Ibis che si trova di fianco alla panetteria dove è avvenuta l’esplosione e dove la 24enne si era recata a fare colazione come sua abitudine.

Nel frattempo sale a 4 il bilancio dei morti dopo il ritrovamento del cadavere di un’altra vittima che si aggiunge ai due pompieri alla turista spagnola già ritrovati: i feriti sono circa 50, 10 dei quali in gravi condizioni.

Esplode una palazzina a Parigi, morti e feriti

Parigi è ancora sotto choc dopo l’esplosione nella panetteria di rue de Trevise, non lontano dal teatro Folies Bergère nel quartiere de l’Opera, avvenuta la mattina del 12 gennaio. La deflagrazione è stata fortissima e ha coinvolto l’intero palazzo che ha preso fuoco: due i pompieri morti, altre due le vittime tra i civili e una cinquantina i feriti tra cui Angela e altri tre italiani. Dai primi accertamenti pare che sia una fuga di gas la causa dell’esplosione.

Sono infatti rimasti coinvolti anche un operatore del programma di Rai Tre “Cartabianca”, il videomaker Valerio Orsolini, rimasto ferito da una scheggia sopra l’occhio. L’operatore era nella capitale francese per seguire le manifestazioni dei gilet gialli con il giornalista Claudio Pappaianni, rimasto illeso. Ferito anche un inviato di “Agorà”, Matteo Barzini.