Un anno fa era il “bambino di ghiaccio”, oggi la sua vita è cambiata

Un anno fa la foto del piccolo Wang Fuman arrivato semi congelato a scuola dopo aver camminato a -9° per 4 km fece il giro del mondo; oggi la vita di tutta la famiglia è cambiata e in meglio

Pubblicato da Lorena Cacace Martedì 8 gennaio 2019

Un anno fa era il “bambino di ghiaccio”, oggi la sua vita è cambiata

Un anno fa era il “bambino di ghiaccio”, “ice boy” dopo che la sua foto con i capelli ghiacciati aveva fatto il giro del mondo, ma oggi la sua vita è cambiata e in meglio. A gennaio 2018 avevamo raccontato la storia di Wang Fuman, 8 anni da Zhaotong, provincia di Yunnan, all’estremo sud-ovest della Cina: la fotografia del piccolo con i capelli coperti di ghiaccio dopo aver percorso 4 chilometri a piedi a -9° per arrivare a scuola, era diventata virale, attirando l’attenzione in patria e all’estero. A distanza di un anno è tutto diverso. Grazie alle donazioni di molti grandi e piccoli benefattori ora la famiglia abita a 10 minuti a piedi dall’istituto in una casa più moderna e il piccolo Wang può andare a scuola senza più problemi.

La vicenda del bimbo aveva lasciato il segno soprattutto in Cina dove il problema delle comunità rurali, spesso ancora povere e senza collegamenti, è molto sentito.

La foto era stata condivisa da moltissime persone su Weibo, il più noto social network cinese, e aveva attirato l’attenzione dei piani alti. Così sono arrivati molti finanziamenti alla scuola che ha potuto comprare libri e utensili per gli studenti, oltre a costruire un dormitorio per i bambini che abitano lontano.

“Wang è uno studente modello e va d’accordo con i compagni”, ha dichiarato alla Bbc il direttore della scuola, Fu Heng.

“Tutta l’attenzione mediatica ha fatto sentire agli alunni la meraviglia del mondo e le loro idee sono cambiate. I semi dei sogni che un giorno saranno in grado di allontanarsi dalle montagne sono stati piantati e sono molto fiduciosi per il futuro”, ha concluso.

Tutta la vita della famiglia è cambiata dopo essersi trasferiti in una nuova casa nel centro del villaggio di Zhuanbaoshan. “La vita ora va molto meglio”, ha dichiarato il padre del ragazzo, Wang Gangkui. “Rispetto alle mura di fango e alla strada fangosa dove vivevano, ora siamo riparati dal vento e dalla pioggia”

A oggi solo una cosa non è cambiata ed è il sogno di Wang che da grande vuole diventare un poliziotto e “catturare i cattivi”.