Cameron Underwood sorride dopo il trapianto di faccia

Dal primo trapianto di faccia nel 2005, ne stati eseguiti in tutto il mondo più di 40.

Pubblicato da Kati Irrente Lunedì 3 dicembre 2018

Cameron Underwood sorride dopo il trapianto di faccia

Cameron Underwood nel 2016 ha provato a suicidarsi sparandosi al volto. I medici lo hanno salvato ma è rimasto sfigurato. A distanza di due anni, e grazie a un donatore, è stato sottoposto a trapianto facciale presso il centro sanitario NYU Langone a Manhattan, New York. Ora sorride dopo il trapianto di faccia che gli ha restituito un naso e una bocca con cui è tornato a parlare e ”mangiare finalmente cibi solidi”.

Una seconda possibilità

“Ho il naso e una bocca, quindi sono in grado di sorridere, parlare e mangiare di nuovo cibi solidi”, dice Cameron due anni dopo avere tentato il suicidio nel 2016. Si era puntato un’arma in faccia, sicuro di volerla fare finita. Ma lo avevano salvato dopo il ricovero in ospedale. Era rimasto sfigurato e i medici gli avevano detto che poteva avere delle speranze di recupero con un trapianto di faccia.

A gennaio di quest’anno, oltre 100 medici hanno eseguito un intervento chirurgico di 25 ore su Cameron, e la sua guarigione è stata rivelata dopo alcune settimane.

L’operazione è avvenuta solo 18 mesi dopo il tentativo di suicidio di Cameron: “Sono così grato di avere un trapianto di faccia perché mi dà una seconda possibilità di vita”, ha detto il 26enne in una conferenza stampa a New York in cui ha raccontato la sua vicenda. Qui sotto il video pubblicato sui social dai canali dell’ospedale.

L’operazione è stata guidata dal dott. Eduardo D. Rodriguez che afferma che la determinazione di Cameron a sopravvivere, insieme ai progressi della medicina, ha contribuito a rendere l’operazione un successo.

Un intervento tecnologicamente avanzato

Durante l’intervento, il dottore ha trapiantato e ricostruito la mascella superiore e inferiore di Cameron, compresi tutti i 32 denti e le gengive. Il palato e l’interno della sua bocca, le palpebre inferiori e il naso sono stati sostituiti e la sua lingua ricostruita. L’operazione delicata come il trapianto di faccia è stata tecnologicamente molto avanzata. Ed è stata anche la prima volta negli Stati Uniti che si è utilizzata una maschera facciale da donatore stampata in 3D.

LEGGI ANCHE POMPIERE SFIGURATO DURANTE UN SOCCORSO HA DI NUOVO UN VOLTO

Il donatore di faccia aveva 23 anni

Il donatore che ha permesso l’operazione a Cameron si chiama Will Fisher, 23 anni, era un campione di scacchi, aspirante scrittore e regista. Si era registrato alla banca dei donatori prima di morire. “La morte di mio figlio è stata una tragedia”, ha raccontato la madre di Will, Sally. “Essere parte di questa esperienza è stata una fonte di forza per me in un momento molto difficile – ha proseguito. “Non credo che sarei sopravvissuta a una notizia così se non fosse stato per Cameron, Cameron ha tutta la sua vita davanti. E adoro l’idea che Willie lo stia aiutando ad avere una vita migliore”.

“Sono stato in grado di tornare a fare molte delle attività che amo, come stare all’aria aperta, fare sport e passare il tempo con i miei amici e la mia famiglia. Spero di tornare presto al lavoro e un giorno di farmi una famiglia”, ha raccontato il ragazzo che ha reso omaggio a Will e alla sua famiglia durante il suo discorso in conferenza stampa dell’ospedale.

“Voglio che Sally e la sua famiglia sappiano quanto io e la mia famiglia apprezziamo il loro dono e che onorerò sempre l’eredità di Will”, ha concluso il ragazzo.

LEGGI ANCHE PRIMO TRAPIANTO DI FACCIA IN ITALIA, UNO DEI CHIRURGHI E’ PRECARIO