Bielorussia: condannato a morte per aver decapitato la figlia di 8 mesi di un amico

La mamma della vittima rischia fino a 25 anni di carcere

Pubblicato da Beatrice Elerdini Martedì 30 ottobre 2018

Bielorussia: condannato a morte per aver decapitato la figlia di 8 mesi di un amico
Foto: Pixabay

In Bielorussia, un uomo è stato condannato alla pena di morte per aver picchiato e decapitato la figlia di 8 mesi di un amico. La madre della piccola, Natalia Klob, di 25 anni, è stata arrestata, ma per la legge del Paese non potrà essere giustiziata. Il massimo della pena che il giudice potrà infliggerle sarà pari a 25 anni di detenzione. Il delitto si è consumato in una casa di Luninets.

Natalia era insieme a un amico di famiglia, identificato solo come Viktor (47 anni), quando la piccola Anna è stata brutalmente uccisa con un coltello da cucina.

Il marito di Natalia, Leonid, 28 anni, è tornato a casa poco dopo con i due figli della coppia e ha visto la piccola a terra in una pozza di sangue con la testa mozzata. Il funzionario delle forze dell’ordine, Dmitry Ivanyuk, ha arrestato la madre della vittima e il suo amico. Entrambi sono sospettati di aver commesso l’omicidio.

‘Quando Leonid è entrato nell’appartamento, si è trovato davanti a una scena degna di un film dell’orrore’. Ha raccontato un vicino di casa. Per i conoscenti erano una famiglia felice. Di recente avevano battezzato la piccola nella Chiesa ortodossa.

Pare che il medico dell’ambulanza sia svenuto alla vista della bambina, che era stata ferocemente picchiata prima di essere decapitata. Secondo le ricostruzioni, la mamma e il suo amico stavano bevendo .

La Bielorussia è l’unico paese in Europa ad avere la pena di morte. Solo gli uomini di età compresa tra i 18 ei 65 anni possono essere giustiziati. I condannati vengono bendati e costretti a inginocchiarsi. L’esecuzione avviene con un colpo di pistola nella parte posteriore della testa.