Bambino accarezza la salma del papà, la foto straziante cambia la vita alla famiglia

Anil era un lavoratore delle fogne di Delhi ed è morto a causa di un incidente sul lavoro. La foto straziante scattata da un giornalista ha innescato una raccolta di fondi social che ha permesso alla famiglia di Anil di affrancarsi dalla miseria

Pubblicato da Redazione NanoPress Mercoledì 19 settembre 2018

Bambino accarezza la salma del papà, la foto straziante cambia la vita alla famiglia

Una fotografia straziante ha commosso l’India e grazie ad essa, ed alla raccolta di fondi che ha innescato, una vedova che ha perso tragicamente il marito, unica fonte di sostentamento per la famiglia, riuscirà a garantire un futuro ai suoi figli.

La foto di un giovane papà avvolto in un lenzuolo, ormai privo di vita, mentre il figliolo in lacrime gli accarezza la testa in un estremo saluto è stata condivisa più di 7mila volte su Twitter. Ed ha innescato una raccolta fondi che al momento ha raggiunto i tre milioni di rupie (poco più di 37mila euro).

Anil era un lavoratore delle fogne di Delhi. Anil è morto a 27 anni in un incidente sul lavoro: la fune che lo stava calando nelle fogne si è spezzata, facendolo precipitare. Si stima che ogni anno almeno 100 lavoratori delle fogne muoiano in India a causa dei bassissimi standard di sicurezza.

La foto è stata twittata da Shiv Sunny, giornalista della testata The Hindustan Times. Il reporter si è detto “scosso” dalla vista del ragazzino di 11 anni che piangeva la morte del padre: il ragazzino ha raggiunto la salma nella camera mortuaria, ha scostato il lenzuolo dalla testa, l’ha accarezzata chiamando il padre e ha iniziato a singhiozzare. “Sono un cronista di nera e ho assistito a molte tragedie. Ma non avevo mai assistito a nulla di simile”, ha dichiarato Shiv Sunny.

La famiglia di Anil era così povera da non potersi neppure permettere i soldi per la cremazione della salma, per cui ha chiesto sostegno economico ai vicini. Pochi mesi prima un’altra tragedia aveva scosso la famiglia: il figlio minore era morto di polmonite a soli 4 mesi perché in casa non c’erano abbastanza soldi per le medicine. Anil lascia un figlio di 11 anni e due figlie di 7 e 3 anni. Ora i figli di Anil potranno sfuggire al dramma del lavoro minorile, potranno studiare e avere un futuro.

Dietro alla scelta di fotografare questa scena così intima e drammatica non c’è affatto macabro esibizionismo: “Volevo denunciare la condizione in cui vivono e muoiono i lavoratori delle fogne in India – ha dichiarato Shiv Sunny – e questa foto mostra il dramma dal punto di vista delle famiglie”.