Stati Uniti, 17enne va in vacanza al mare e rischia la vita: infettato da un pericoloso parassita

Michael appena tornato a casa ha iniziato a sentirsi stanco e ad avere un forte senso di malessere, poi le sue gambe hanno iniziato a ricoprirsi di spaventose eruzioni cutanee

da , il

    Stati Uniti, 17enne va in vacanza al mare e rischia la vita: infettato da un pericoloso parassita

    Michael, un ragazzo di 17 anni del Tennessee, Stati Uniti, è partito per una vacanza in Florida con gli amici: quello che si aspettava era tanto divertimento, ma il destino gli ha riservato qualcosa di più amaro. Ha rischiato di morire per via di una pericolosa infezione parassitaria contratta sulla sabbia: il giovane è stato colpito da un anchilostoma, un pericoloso parassita che può infestare polmoni o intestino tenue. A raccontare la disavventura di Michael è stata la madre, Kelli Dumas, che ha deciso di pubblicare sul suo profilo Facebook le spaventose immagini dei danni provocati dal parassita sul corpo del figlio.

    Tutto è successo nel mese di giugno: quando il 17enne è tornato da una breve vacanza a Pompano Beach, in Florida, si è sentito subito stanco, senza forze, poi hanno iniziato a comparire sulla parte inferiore del suo corpo vesciche, croste ed eruzioni cutanee decisamente preoccupanti.

    ‘Ho tantissime immagini che ritraggono mio figlio, ma mi limiterò a postarne solo alcune perché potrebbero disturbare chi legge. È stato orribile e doloroso per lui e per altro le cure sono molto costose. Ho mostrato queste foto affinché nessun altro soffra in questo modo. I medici mi hanno detto che è importante portare sempre le scarpe in spiaggia per  non venire a contatto con questi vermi e ora io lo ripeto a voi’.

    Michael ha raccontato alla madre che aveva iniziato ad avere un po’ di prurito quando era in vacanza, durante l’ultimo giorno ed è stato proprio in quel frangente che il parassita, attraverso la sabbia, si è introdotto nella sua epidermide. Anche altri cinque suoi amici sono stati colpiti dall’infezione. Ora il 17enne fortunatamente sta meglio, anche se non è ancora del tutto guarito.

    Gli anchilostomi si trovano solitamente in luoghi particolarmente caldi e in precarie condizioni igienico-sanitarie. Una delle abitudini che espone maggiormente l’uomo al rischio di contrarre l’infezione è quella di camminare a piedi nudi sulla sabbia. Tra i sintomi più comuni del contagio si annoverano prurito, nausea, febbre, eruzioni cutanee e nei casi più gravi perdita di coscienza.