31enne svizzera violenta la figlia di 5 anni e invia i video al suo ‘padrone’ in Germania

Con Frank Heitmueller, 53enne tedesco, aveva stipulato un folle contratto, secondo il quale si dichiarava la sua 'schiava sessuale'

Pubblicato da Beatrice Elerdini Giovedì 28 giugno 2018

31enne svizzera violenta la figlia di 5 anni e invia i video al suo ‘padrone’ in Germania
Foto Pixabay

Agghiacciante caso di violenza su una minore in Svizzera: una madre di 31 anni ha violentato ripetutamente la figlia di 5 anni e poi ha inviato i video degli incontri ‘intimi’ al suo ‘padrone’ in Germania. La donna aveva stretto un accordo con un cinquantatreenne di nome Frank Heitmueller: si era dichiarata la sua ‘schiava sessuale’ e aveva accettato di compiere gesti folli su sua figlia. La donna è stata quindi condannata a 4 anni di reclusione per il reato di abuso sessuale su minore.

Dalle confessioni rilasciate dalla donna agli inquirenti è emerso che aveva più volte violentato la figlia utilizzando sex toys e poi aveva inviato i video all’uomo. Non solo la madre aveva espresso il desiderio che la piccola fosse sverginata dal padrone tedesco. Inoltre ha spiegato che nel folle contratto stipulato con l’uomo dichiarava di cederli anima e corpo: ‘Ora sono di sua assoluta proprietà’. La 31enne, la cui identità è rimasta nascosta in osservanza delle leggi vigenti in Svizzera, ha confessato di aver lasciato carta bianca all’uomo anche per l’educazione della figlia. Heitmueller in cambio pretendeva di vedere regolarmente video in cui la donna abusava della figlia di 5 anni.

Tutto l’orrore di questa vicenda è stato portato alla luce dalla moglie del tedesco, che guardando il suo computer ha scoperto un’infinità di video pedopornografici. La donna ha poi immediatamente denunciato il fatto alla Polizia.