Mamma di tre bimbi suicida a 33 anni: ‘Scusate, sono stanca di lottare’

Da tempo lottava contro una malattia mentale che lentamente l'ha spinta al suicidio.

da , il

    Mamma di tre bimbi suicida a 33 anni: ‘Scusate, sono stanca di lottare’

    Aveva 33 anni Hayley Cayton, la mamma di tre bambini di 8, 11 e 14 anni, che ha deciso di togliersi la vita, lo scorso aprile, afflitta e sconfitta da una malattia mentale contro cui lottava da tempo, ma che alla fine non è riuscita a superare. La donna, che viveva a Leyland, nel Regno Unito, si è scusata in un messaggio con tutta la famiglia e con i suoi amici per il gesto estremo. Non era la prima volta che Hayley tentava il suicidio, già in passato c’erano stati dei campanelli d’allarme di cui la famiglia era al corrente.

    Quel disturbo emotivo della personalità

    Hayley, già nel 2017, non sopportava più il suo malessere e aveva deciso di andare a fondo per tentare una via di guarigione. Così decise di farsi vedere da uno specialista.

    Dopo alcuni colloqui con gli esperti aveva così scoperto di essere affetta da disturbo emotivo della personalità, che già in passato l’aveva portata vicino al suicidio.

    Anche se negli ultimi tempi Hayley sembrava migliorata, in realtà la donna soffriva molto perché la malattia mentale che lentamente l’ha consumata era sempre lì, e alla fine per liberarsi ha ceduto al suicidio.

    ”Non ce la faccio più, sono stanca di combattere”

    “Sono stanca di combattere, ma vi amo tutti” aveva scritto Hayley, mamma di 3 bambini, per comunicare e giustificare allo stesso tempo il gesto estremo con amici e familiari.

    Allarmati dal messaggio ricevuto, alcuni amici di Hayley a loro volta hanno poi allertato il compagno della donna, che proprio in quelle ore stava organizzando una cena romantica per farle una sorpresa e mostrarle tutto il suo amore e ‘farsi perdonare’.

    Farsi perdonare di cosa? Qualche giorno prima era successo un episodio che aveva fatto arrabbiare la trentatreenne, lo stesso compagno l’ha raccontato ai cronisti dei tabloid britannici che l’hanno intervistato poco dopo la tragedia: “Poco prima che si togliesse la vita ho avuto un incontro con il suo psicologo affinché mi aiutasse a gestire meglio la convivenza con lei, ma quando l’ha scoperto ha perso le staffe”, ha raccontato l’uomo, sconvolto. Per questo aveva organizzato un appuntamento romantico a sorpresa, al quale Hayley però non ha mai potuto partecipare, perché si è uccisa prima.

    L’uomo ha fatto la scoperta poche ore prima dell’appuntamento quando sul suo telefonino è arrivato un sms che lo avvertiva che Hayley poteva essere in pericolo. Quando è arrivato a casa, il compagno della donna l’ha trovata ormai priva di vita.