‘Ridisegniamo l’emofilia’: i dettagli della campagna social dedicata alla street art

L'emofilia A è una patologia ereditaria che colpisce circa 320.000 persone in tutto il mondo, di cui più di 4.000 in Italia

Pubblicato da Kati Irrente Lunedì 4 giugno 2018

‘Ridisegniamo l’emofilia’: i dettagli della campagna social dedicata alla street art
dal sito ridisegniamolemofilia.it / foto

L’emofilia A è una patologia ereditaria che colpisce circa 320.000 persone in tutto il mondo, di cui più di 4.000 in Italia. In genere si scopre da piccoli e influisce sulla quotidianità a causa della necessità di cure, attenzioni e precauzione costanti e che accompagna le persone per tutta la vita. Si caratterizza per un’alterazione del processo della coagulazione che può comportare sanguinamenti incontrollati spontanei o causati da traumi di lieve entità. In chi ne è affetto, l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta portano con sé emozioni e aspirazioni molto diverse. L’obiettivo della nuova campagna social lanciata con l’hashtag #Ridisegniamolemofilia ha come obiettivo quello di “ridisegnare” insieme nuove opportunità per una migliore qualità di vita delle persone con emofilia A e di coloro che ogni giorno affrontano la quotidianità al loro fianco.

L’iniziativa ‘Ridisegniamo l’emofilia’ è stata promossa da Roche con il patrocinio della Federazione delle Associazioni emofilici (FedEmo) e della Fondazione Paracelso Onlus.

Si rivolge a coloro che vivono con l’emofilia A, a prescindere dall’età. Tutti, adolescenti, adulti e genitori sono invitati a condividere su Facebook e Instagram, utilizzando l’hashtag #Ridisegniamolemofilia, una foto, un video, un disegno o un pensiero su un aspetto della propria vita, un progetto, un’esperienza o una sfida che vorrebbero poter affrontare o vivere in modo differente.

I contribuiti raccolti durante il progetto vogliono essere parte di un racconto in chiave positiva di chi convive con l’emofilia A, per segnare un cambio di rotta e disegnare insieme una quotidianità e un futuro migliori. Le idee condivise saranno di ispirazione per la realizzazione di opere di Street-art che, in alcune città italiane, daranno spazio, voce e colore alle emozioni e alle aspettative dei bambini, degli adolescenti e degli adulti che vivono con l’emofilia e di tutti coloro che ogni giorno affrontano con loro le piccole e grandi sfide della vita.

Maurizio de Cicco, presidente e amministratore delegato di Roche Italia, ha commentato l’iniziativa: “Gli avanzamenti rivoluzionari della ricerca scientifica ci permettono oggi di ridisegnare un futuro migliore per le persone con emofilia, così come per i loro familiari coinvolti ogni giorno nella cura e assistenza dei loro cari. Mettendo a disposizione il frutto del nostro impegno in ricerca e sviluppo e promuovendo un’iniziativa come questa, vogliamo incoraggiare e accompagnare un cambiamento positivo nell’approccio alla patologia, insieme all’intera comunità dell’emofilia”.

Per scoprire di più, puoi visitare il sito www.ridisegniamolemofilia.it

In collaborazione con AdnKronos