Violentano una ragazza dopo la finale della Champions, un video li inchioda

La donna è svenuta nel bar Chanthaburi dove i parenti sostengono che sia stata drogata e poi violentata

Pubblicato da Redazione NanoPress Venerdì 1 giugno 2018

Violentano una ragazza dopo la finale della Champions, un video li inchioda

Nong Gift, 21 anni, aveva assistito alla finale della Champions League con gli amici lo scorso sabato a Chanthaburi, in Thailandia. La ragazza, estetista, è rimasta all’interno del pub con alcuni conoscenti. Poi l’agghiacciante momento. Quattro uomini vengono ripresi dalla telecamera del locale mentre hanno in braccio Nong e la portano fuoiri ubriaca e “drogata”. Dovevano portarla a casa. Ma Nong a casa non è mai arrivata.

Gli uomini, incluso uno che la conosceva, l’hanno portata in un frutteto appartato e li è stata violentata e picchiata a morte. La banda dei quattro, Nattaphong Saenkraud, Patti Boonthal, Panya Chan Somdee e Suitsit Jaechim ha confessato il loro coinvolgimento alla polizia e sono stati portati a una seconda udienza sul crimine il prossimo mercoledì. CCTV mostra il video degli uomini che trasportano Nong fuori dal bar e nel retro di un pick up, con l’aiuto di una delle sue amiche che era convinta che il gruppo l’avrebbe portata a casa.

Il maggiore della polizia Charn Jitjunjun ha dichiarato: “La vittima è stata trovata morta la notte stessa. Quattro uomini sono stati arrestati e hanno confessato la loro partecipazione al delitto” – ha poi proseguito – “La vittima è stata violentata da quattro persone e crediamo che sia stata picchiata fino alla sua morte. Il suo corpo è stato trovato con schiuma intorno alla bocca, naso sanguinante e con parte dei vestiti sul pavimento. Una donna che era stata con Nong la sera prima ha detto che l’aveva lasciata con un gruppo di uomini perché pensava che fossero amici“. Uno dei membri del gruppo, l’uomo che la conosceva, afferma di aver solo guidato gli altri uomini nel luogo dove poi stata uccisa. La polizia sta ora effettuando esami sul corpo di Nong per scoprire se è stata drogata e per rilevare la causa esatta della sua morte. Il maggiore della polizia Charn Jitjunjun ha aggiunto: “L’indagine non è stata conclusa e la polizia sta ancora stabilendo le dinamiche esatte. I parenti della vittima credono che fosse drogata. Era abituata a bere alcolici e non sarebbe stata inconscia in questo modo”.
.