Attentato in Belgio: urla ‘Allah è grande’ e uccide tre persone

L'assalitore è stato ucciso nel corso di una sparatoria con le forze dell'ordine

da , il

    Attentato in Belgio: urla ‘Allah è grande’ e uccide tre persone

    Ha preso di mira 2 poliziotti, aggredendoli alle spalle e ammazzandoli a coltellate al grido di “Allah Akbar”, Allah è grande. Poi si è impossessato delle armi di servizio degli agenti, e le ha utilizzate per finire le sue vittime. Successivamente ha sparato ad una persona che stava seduta in un’auto dal lato passeggero. In seguito è entrato in un liceo dove ha preso in ostaggio una donna e dove finalmente ha trovato la morte, ucciso dalle pallottole della polizia. Nello scontro a fuoco sono rimasti feriti due agenti.

    E’ il resoconto di una giornata di fanatismo e follia a Liegi, in Belgio, dove Benjamin Herman, classe 1982, ha provato a fare una strage.

    L’uomo non era mai stato segnalato per rischi di radicalizzazione, ma era stato in galera per diversi precedenti penali e potrebbe avere abbracciato l’estremismo islamico dietro le sbarre. Dalle prime informazioni infatti non si tratterebbe di un disagiato o di un depresso, ma di un fanatico islamico.

    Liegi: si indaga per terrorismo, killer aveva coltello
    Ansa

    La folle corsa di Herman si è conclusa al liceo Léonie de Waha, dove l’uomo ha cercato di farsi scudo prendendo in ostaggio una donna delle pulizie.

    L’assassino era a piede libero da appena 24 ore: era uscito dalla vicina prigione di Lantin per un congedo.