Taglia i genitali all’amante con un colpo di forbici: “E’ stata una punizione”

Inizialmente la vittima aveva parlato di un gioco erotico finito male. Ma anche dopo la confessione della donna continuano a rimanere dei dubbi sulla reale dinamica dei fatti

Pubblicato da Redazione NanoPress Martedì 24 aprile 2018

Taglia i genitali all’amante con un colpo di forbici: “E’ stata una punizione”

Una scena che sembra tratta da un film dell’orrore: una ragazza ha evirato il suo amante con delle cesoie da giardino. I genitali dell’uomo, sia pene che testicoli, sono stati quasi del tutto tranciati da un deciso colpo di forbici. I fatti sono avvenuti nel novembre dello scorso anno a Cordova (Argentina), ma solo adesso emergono dettagli che aggiungono l’ultimo tassello a questo disturbante puzzle fatto di sesso e sangue.

I protagonisti di questa storia sono Brenda Barattini, bella e bionda architetta di 26 anni, e il musicista rock 40enne Sergio Fernandez. Inizialmente Fernandez aveva dichiarato che l’asportazione del 90% dei suoi genitali era il risultato di un gioco erotico finito male. Oggi però Brenda ha confessato che la mutilazione non è altro che una punizione perché Sergio si sarebbe pavoneggiato con gli amici mostrando loro un video erotico girato insieme a Brenda. La ragazza ha così ammesso di avere agito con dolo e premeditazione, però cerca di minimizzare l’entità dei danni causati all’ex amante, con dichiarazioni che per la verità appaiono piuttosto confusionarie: “Gli ho tagliato il pene, ma non completamente. L’ho solo ferito. Poi sono fuggita via per cercare aiuto. Non volevo fargli del male. E fra parentesi ho paura del sangue”. Brenda sostiene di essere stata colpita psicologicamente e di avere reagito di conseguenza.

Dopo la mutilazione Fernandez è piombato in un profondo stato depressivo e ancora oggi, a distanza di 5 mesi dai fatti, è in attesa di sottoporsi a chirurgia ricostruttiva del pene.

La linea difensiva del legale di Brenda però parla d’altro. L’avvocato Carlos Nayi ha dichiarato: “C’è una giustificazione per quanto avvenuto: Secondo le informazioni in mio possesso Brenda è stata vittima di un assalto sessuale. Lei ha invitato lui nel suo appartamento perché membro di una rock band e perché è un conoscente di suo fratello. Ma una volta entrato, invece di occuparsi di un certo strumento musicale come aveva concordato con Brenda, l’ha attaccata sessualmente e lei ha assunto un atteggiamento difensivo. Se si sia trattato di un comportamento eccessivo lo deciderà il giudice”.

Tre versioni diverse dello stesso fatto. Quale sarà la verità?