Alfie Evans staccato il respiratore ma lui respira ancora: i genitori pubblicano la foto su Instagram

'Rinnovo il mio appello perché venga ascoltata la sofferenza dei suoi genitori e venga esaudito il loro desiderio di tentare nuove possibilità di trattamento’, ha scritto il Papa su Twitter.

da , il

    Alfie Evans staccato il respiratore ma lui respira ancora: i genitori pubblicano la foto su Instagram

    Il respiratore è stato staccato, eppure il piccolo Alfie Evans è ancora vivo e respira spontaneamente, a dispetto di quanto ipotizzato dai medici dell’ospedale pediatrico di Liverpool, dove è ricoverato. Da lungo tempo il piccolo è al centro delle cronache internazionali per una ardua battaglia che vede da un lato schierati i genitori che vorrebbero salvare il loro bambino portandolo in Italia, al Bambin Gesù oppure al Gaslini di Genova dove verrebbe sottoposto a cure sperimentali, dall’altro ci sono i medici e il governo britannico che ritengono non sia in alcun modo una strada percorribile. Ieri dunque, ad Alfie è stata staccata la macchina che lo teneva in vita, ma lui non se n’è ancora andato: i genitori hanno pubblicato una foto su Instagram in cui il piccolo dorme tra le braccia della madre.

    Almost 7 hours and he’s still breathing!!! What a true fighter

    A post shared by Alfie Evans Official Page (@alfiesarmy) on

    La foto è stata scattata ieri dopo le 22, ora in cui al piccolo Evans è stato staccato il respiratore. Era stato sedato in attesa che arrivasse la morte, ma ancora non è arrivata. La decisione di staccare la spina è giunta dopo un lungo e complicato percorso: non erano serviti a nulla nemmeno gli ultimi tentativi del console italiano e del nostro ambasciatore messi atti a evitare di interrompere le cure al piccolo nel rispetto della cittadinanza italiana che nel frattempo il governo italiano gli aveva concesso, sotto assidua insistenza del Vaticano.

    Ora la forza del piccolo Evans e il suo attaccamento alla vita costringeranno i giudici e i medici dell’ospedale di Liverpool a cambiare il loro modus operandi. Forse il bambino potrà finalmente essere trasportato in Italia come da tempo desiderano i genitori.

    Il nuovo messaggio del Papa

    Il papa che ha avuto un ruolo importante nella vicenda del piccolo Evans, è tornato a scrivere di lui su Twitter: ‘Commosso per le preghiere e la vasta solidarietà in favore del piccolo Alfie Evans, rinnovo il mio appello perché venga ascoltata la sofferenza dei suoi genitori e venga esaudito il loro desiderio di tentare nuove possibilità di trattamento’.

    Un messaggio che arriva dopo quello del 4 aprile scorso: ‘È la mia sincera speranza che possa essere fatto tutto il necessario per continuare ad accompagnare con compassione il piccolo Alfie Evans e che la profonda sofferenza dei suoi genitori possa essere ascoltata. Prego per Alfie, per la sua famiglia e per tutte le persone coinvolte’.