Attentato in Francia, presa di ostaggi al supermercato: ucciso il terrorista, 3 le vittime. L’Isis rivendica

Torna la paura in Francia dove un uomo ha preso degli ostaggi in un supermercato a Trèbes, a pochi chilometri da Carcassonne: l'uomo armato ha dichiarato di appartenere all'Isis. Si tratterebbe di un franco marocchino di 22 anni già noto per la vicinanza al terrorismo islamico che avrebbe chiesto la liberazione di Salah Abdeslam. Il bilancio provvisorio sarebbe di 3 vittime

da , il

    Attentato in Francia, presa di ostaggi al supermercato: ucciso il terrorista, 3 le vittime. L’Isis rivendica

    Torna la paura in Francia dove un uomo ha preso degli ostaggi in un supermercato a Trèbes, nel dipartimento dell’Aude, a pochi chilometri da Carcassone, nel sud del Paese. Secondo quanto riferiscono i media locali, l’assalitore si è barricato supermercato Super U a Trèbes (Aude), a 10 km dalla celebre località francese, dopo aver fatto fuoco da una vettura contro passanti e alcuni poliziotti. Sempre fonti locali parlano già di una vittima, un macellaio del supermercato che sarebbe stato ucciso, mentre il sindaco di Trèbes ha parlato di 2 morti. Le prime notizie indicavano che l’assalitore aveva dichiarato di essere dell’Isis: con l’evolversi della giornata è poi arrivata la rivendicazione di Daesh. “Tutte le informazioni a nostra disposizione lasciano pensare che si tratti di un attacco terrorista”, ha dichiarato il primo ministro Edouard Philippe. L’attentatore è stato poi ucciso dalla polizia francese: la conferma della morte dell’attentatore arriva dal ministro dell’Interno francese Gérard Collomb.

    L’ISIS RIVENDICA: Con un comunicato emesso tramite l’agenzia Amaq, l’Isis ha rivendicato l’attentato al supermercato di Trèbes. Nel messaggio si legge che l’assalto è stato pianificato in risposta alle azioni militari della Francia in Siria e Iraq.

    Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Amaq l’attentatore che ha preso gli ostaggi a Trèbes era un “soldato dello Stato islamico, che ha portato a termine l’attacco in risposta all’attacco contro i paesi della coalizione” impegnati negli ex territorio di Daesh.

    UCCISO L’ATTENTATORE: Le ultime notizie che arrivano dai media francesi indicano che le truppe speciali hanno fatto irruzione nel supermercato di Trébes nel primo pomeriggio, uccidendo l’attentatore. Secondo BFMTV, sul luogo dell’attentato sarebbero presenti anche la madre e la sorella dell’assalitore.

    Dalle prime indicazioni si tratterebbe di un cittadino franco-marocchino di 22 anni, già segnalato come elemento vicino agli ambienti terroristici del radicalismo islamico e noto alle forze dell’ordine per reati comuni. Secondo quanto riporta France 2, l’assalitore avrebbe chiesto la liberazione di Salah Abdeslam, autore degli attentati a Parigi del novembre 2015.

    IL POLIZIOTTO EROE: Nella tragedia emerge la figura del poliziotto eroe, come lo ha definito alla stampa il ministro Collomb. Sarebbe stato un agente della Gendarmerie a permettere la fuga degli ostaggi, rimanendo con l’assalitore fino all’intervento delle teste di cuoio: il poliziotto avrebbe fatto finta di esser un ostaggio per poi aiutare i civili ad uscire dal retro del negozio e rimanere da solo con il killer, venendo anche ferito gravemente.

    Il suo gesto eroico ha permesso agli agenti dei reparti speciali di organizzare l’irruzione: come ha spiegato Collomb, il tenente colonnello della gendarmeria ha lasciato acceso il suo cellulare durante la presa degli ostaggi, permettendo ai colleghi di sentire cosa stava succedendo.

    TRE LE VITTIME: Da quello che apprendono i media francesi, sarebbero tre le vittime dell’attentato con presa di ostaggi al supermercato di Trèbes. Intorno a mezzogiorno nei pressi del supermercato è stata trovata un’auto, forse usata dal killer per sparare contro i poliziotti. Al suo interno sarebbe stato trovato il cadavere del proprietario, probabilmente ucciso dall’attentatore. I due episodi sembrano dunque collegati: se fosse confermato, sarebbero tre le vittime totali dell’assalto. Tre invece i feriti di cui parla la stampa transalpina.

    LA DINAMICA: Ancora non è del tutto chiara la dinamica dell’attacco al supermercato vicino Carcassonne. Dalla prima ricostruzione, l’attentatore avrebbe iniziato l’assalto da una macchina, sparando contro alcuni poliziotti che facevano jogging. Il sindacato di polizia Unsa ha twittato che degli agenti, di ritorno da Carcassone, sono stati attaccati da un uomo che ha sparato cinque colpi, ferendo un agente alla spalla.

    mappa trebes

    In seguito si sarebbe diretto verso il supermercato, non prima di aver freddato il proprietario della macchina. Qui avrebbe preso in ostaggio una decina di persone, uccidendo il macellaio del negozio e un’altra persona non ancora identificata. Come hanno raccontato alcuni ostaggi, l’attentatore li avrebbe tenuti sotto tiro per un’ora circa prima di lasciarli andare a seguito di un intervento della Polizia.

    “L’uomo ha urlato e sparato più volte”, ha dichiarato una degli ostaggi del supermercato a France Info. “Ho visto una porta del frigo e ho detto alle persone di ripararsi dietro il vetro. Eravamo in dieci e siamo rimasti dentro un’ora. Ci sono stati altri spari e siamo usciti dalla porta sul retro”.

    La sezione antiterrorismo della Procura di Parigi ha intanto aperto un’inchiesta per omicidio, tentato omicidio e sequestro a seguito di un’azione terrorista. Le autorità francesi sono ormai certe che si tratti di un attentato di matrice terroristica, come ha spiegato lo stesso premier Philippe.