Porto Marghera: acceso il fascio di luce alto 12mila metri

Brugnaro accende Ramses II: il fascio di luce, un faro allo xenon della potenza di 72.000 watt, resterà acceso sino alla fine di marzo e sarà il simbolo contemporaneo della centralità di Porto Marghera.

Pubblicato da Kati Irrente Giovedì 18 gennaio 2018

Porto Marghera: acceso il fascio di luce alto 12mila metri
Luigi Brugnaro / ansa

Il presidente del Comitato per il Centenario di Porto Marghera e sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha acceso Ramses II, fascio di luce alto 12mila metri sul Porto di Marghera. Si tratta di un fascio di luce visibile su tutto il territorio del Veneto, una sorta di moderna stella cometa, che indica che il futuro del territorio è legato alla rinascita dell’area industriale veneziana. Presenti alla cerimonia allietata dalla banda musicale di Tessera, che si è tenuta all’interno dello stabilimento Cereal Docks, c’erano, tra gli altri: gli assessori Colle, Mar, D’Este, Venturini, Boraso e De Martin, il prefetto di Venezia Carlo Boffi, il presidente dell’Assindustria di Venezia Vincenzo Marinese, la direttrice della Fondazione musei civici Gabriella Belli, il direttore della bio raffineria Eni di Porto Marghera Antonio De Roma, il presidente di Cereal Docks Mauro Fanin, e il poeta operaio Ferruccio Brugnaro, che ha declamato i versi di una sua poesia dedicata all’evento.

Il fascio di luce allo xenon di 72.000 watt di potenza, che è stato chiamato Ramses II, illuminerà il cielo di Porto Marghera fino al prossimo mese di marzo. E’ stato scelto proprio questo nome per ricordare il grande faraone d’Egitto che in 67 anni di regno, nel 1200 aC, fece costruire una quantità di opere mai realizzate dopo, e vuole essere il simbolo della rinascita dell’area industriale nel centenario dalla sua fondazione. “Accendere Marghera – ha detto ancora Gabriella Belli – è una sfida meravigliosa che abbiamo cercato di evidenziare con una luce che ha in sé il simbolo del risveglio”.

“E’ un’altra delle iniziative – ha ricordato il sindaco – attuate nell’ambito delle celebrazioni del Centenario di Porto Marghera. Un modo per ricordare a tutti, in tutto il Veneto, che il futuro nostro e dei nostri figli, è legato a questa area. Dobbiamo mettere da parte le polemiche e ‘fare squadra’ per attuare il rilancio definitivo di Porto Marghera: dobbiamo rendere attrattivo per gli imprenditori tornare ad investire qui, come è successo per la Ceral Docks, che ha investito pochi anni fa per il rilancio dello stabilimento oltre 60 milioni di euro. Le nostre parole d’ordine devono essere ‘fiducia’ e ‘competenza’”.

“Questa luce vuole essere un simbolo – ha detto Brugnaro nel suo intervento – Racconta cento anni di una storia difficile ma simboleggia i prossimi cent’anni che vogliamo scrivere per il futuro dei nostri figli”. “Il centenario parla più di futuro che di passato”, ha spiegato dal canto suo il direttore della Bio Raffineria Eni, che ha ricordato che il centenario di Porto Marghera ha permesso alle aziende di aprire i cancelli al territorio, e far vedere cosa si produce oggi nell’area industriale. “All’interno del centenario, Eni, come partner unico – ha detto De Roma – sta partecipando a tutte le iniziative. Sono ormai centinaia le persone che sono venute a visitare i nostri stabilimenti. La parte più emozionante è quando ricordiamo la nostra storia”.

E al futuro ha voluto fare riferimento anche Mauro Fanin, presidente Cereal Docks: “E’ importante non piangersi più addosso ma sapere guardare oltre con ottimismo. Enti pubblici e aziende private assieme”, ha detto. “Il lavoro non si costruisce con le polemiche ma con gli investimenti – ha aggiunto Marinese – Il Veneto è ormai la prima piattaforma logistica d’Europa, un tessuto produttivo unico. A chi dice no dobbiamo dire di sì”. Ha parlato invece della “luce per ‘illuminare’ la promessa di una nuova etica nel futuro della produzione industriale di Porto Marghera”, la direttrice della Fondazione Musei Civici.

In collaborazione con AdnKronos