Bomba ciclonica, cosa significa la morsa di gelo che ha investito gli Stati Uniti

L’ondata di neve e gelo che sta per investire gli Stati Uniti è una di quelle che resteranno negli annali. Gli esperti parlano di bomba ciclonica, a New York si preparano a giornate di passione, con scuole chiuse, attività pubbliche sospese e con il rischio black out. Persino in Florida stanno rispolverando i cappotti invernali: anche qui è attesa la neve

Pubblicato da Francesco Minardi Giovedì 4 gennaio 2018

Bomba ciclonica, cosa significa la morsa di gelo che ha investito gli Stati Uniti
Gelo a New York: cos’è la bomba ciclonica in arrivo in America / Ansa

L’ondata di neve e gelo che sta per investire gli Stati Uniti è una di quelle che resteranno negli annali. Gli esperti parlano di bomba ciclonica, a New York si preparano a giornate di passione, con scuole chiuse, attività pubbliche sospese, con il rischio di rimanere al buio causa black out. Persino in Florida stanno rispolverando dagli armadi i cappotti invernali: persino qui è attesa la neve.
Ma cos’è questa bomba ciclonica? È un fenomeno che porta a un calo esplosivo (da qui il termine “bomba”) della pressione, che perde 24 millibar in 24 ore. La causa? L’incontro di due masse d’aria, una fredda proveniente dal nord-ovest, l’altra calda proveniente dal Golfo del Messico. Il risultato è, appunto, la bomba ciclonica, una massa d’aria che ruota in senso antiorario, che porta temperature bassissime, al di sotto della media, e forti venti gelidi.

Insomma, il nord-est degli Usa si prepara a vivere giornate al gelo, con neve, strade imbiancate, temperature polari e venti forti. La bomba è in arrivo a New York, che già nelle ultime settimane ha vissuto con temperature sottozero, e sulla costa orientale, da Rhode Island al Maine.

E non solo: se nel nord-est degli Stati Uniti gli inverni gelidi sono normali, non è lo stesso più a sud. Attese nevicate, dopo anni e anni, in Carolina del Nord, Carolina del Sud e Georgia. E, udite udite, anche nello Stato del sole: la Florida. Ebbene sì, anche vicino ai tropici potrebbero cadere fiocchi bianchi.

Tra le vittime dell’ondata di gelo che si è abbattuta e continuerà ad abbattersi su gran parte degli Stati Uniti, anche gli squali. In Massachusetts, infatti, alcuni esemplari sono stati trovati morti, spiaggiati, nella baia di Cape Cod. La causa, secondo gli esperti, proprio il gelo.