La schiscetta perfetta: i consigli per i professionisti del pranzo in ufficio

Pubblicato da Redazione NanoPress Lunedì 18 marzo 2019

La schiscetta perfetta: i consigli per i professionisti del pranzo in ufficio

Oggi parliamo di un accessorio che fa parte della quotidianità di milioni di italiani: la schiscetta. Il termine “schiscetta” deriva dal dialetto milanese: “schiscià” significa infatti “schiacciare” nell’idioma meneghino. Parliamo dunque di un contenitore in cui lo spazio è poco e per forza di cose il cibo viene compresso. Ma a discapito delle sue origini ambrosiane, la schiscetta oggi è un vero e proprio stile di vita che unisce ogni angolo della Penisola.

La schiscetta racconta molto di noi: essa parla dei nostri gusti e del nostro stato di salute (i cibi che evitiamo per allergie, intolleranze o perché ci risultano indigesti). Ma la schiscetta racconta anche qualcosa del nostro stile di vita, che oscilla fra il goloso e il frettoloso, e addirittura delle nostre relazioni amorose: quante schiscette vengono portate in ufficio ogni giorno con gli avanzi di cenette galanti?

Di seguito alcuni trucchi e suggerimenti per creare la schiscetta perfetta, da come fare la spesa a come organizzarsi se si è di fretta.

Fare la spesa per la schiscetta perfetta

Una buona schiscetta è quella che permette di bilanciare i vari nutrienti di cui ha bisogno l’organismo, ovvero fibre, carboidrati, proteine e via dicendo.
Ma la schiscetta perfetta è quella che oltre alla salute permette magari anche di evitare gli sprechi riciclando gli avanzi della cena in un pasto leggero e goloso.
I professionisti del riciclo preferiscono bandire dalle proprie cene (e quindi dalla schiscetta del giorno dopo) tutto ciò che dopo essere stato conservato in frigo perde appeal. Bandite dunque paste lunghe come spaghetti e fettuccine che tendono ad attaccarsi e rinsecchirsi, via libera a paste corte e risotti, carni e verdure. Ok anche al pesce.

La schiscetta dell’ultimo minuto

Sveglia presto, turni in bagno, bambini da preparare e accompagnare a scuola… si arriva al lavoro con le pile già scariche. Ogni tanto può capitare di non avere tempo per preparare una schiscetta come si deve. E allora che fare? Niente paura: basta pensarci per tempo. In ogni frigorifero ci sono gli ingredienti necessari per preparare una schiscetta dell’ultimo minuto. Ecco qualche spunto per schiscette facili e veloci da preparare con una mano sola:

  • bresaola, formaggio morbido tagliato a cubetti e qualche pomodorino, il tutto su una foglia di lattuga. Per aumentare il senso di sazietà basta accompagnare il tutto con una confezione
    di crackers senza sale;
  • due fette di fesa di tacchino arrotolate insieme ad una fetta di lattuga e formaggio in fette, il tutto accompagnato, di nuovo, da crackers;
  • una ricottina pronta e ingolosita da una spolverata di granella di pistacchio e pomodorini pachino tagliati a spicchi;
  • pomodorini pachino e mozzarelline, con un condimento di origano, un filo d’olio e poche gocce di glassa d’aceto balsamico.

Questi sono solo alcuni spunti, ma con un pizzico di fantasia ci si può sbizzarrire a creare qualsiasi
tipo di schiscetta rapida e golosa.

La schiscetta? Meglio leggera

Questa scriminante interessa chi raggiunge il lavoro sui mezzi pubblici, magari facendo diversi cambi fra tram e metropolitana e integrandoli con qualche passo a piedi. Affrontare lunghi tragitti con una schiscetta che pesa come un macigno dentro a una borsa non è certamente il massimo della vita. Dopo alcuni mesi ne risente anche la salute: il mal di schiena da schiscettista professionista dovrebbe essere inserito fra le malattie professionali! Poniamo rimedio scegliendo contenitori di dimensioni adeguate e in materiale leggero.

La schiscetta perfetta non si apre (a meno che tu non lo voglia)

E’ mattina e siete sul bus, ancora assonnati e stipati come sardine. Altri passeggeri premono sulla vostra schiena azzerando il vostro spazio vitale (ed anche il loro). L’incubo di ogni schiscettista professionista è l’apertura improvvisa del contenitore all’interno della borsa, magari per l'urto con qualche altro passeggero. E’ quindi importante acquistare contenitori che assicurino una chiusura ermetica.

Suggerimenti per la schiscetta ideale

In commercio esistono diversi modelli di schiscette, di vari materiali e dimensioni. Noi vi suggeriamo le schiscette proposte da Penny Market con la collezione Fresh & Go: dal 7 marzo al 15 maggio 2019 raccogliendo i bollini si potranno richiedere i contenitori della linea Schiscia & Go, le pratiche schiscette a chiusura ermetica, leggere, con divisione in scomparti e posate in dotazione. Le schiscette Penny sono inoltre adatte al microonde. Il top del top per la felicità degli schiscettisti professionisti. Schiscia & Go può essere richiesta gratis con 18 bollini. I possessori di Penny Card riceveranno un bollino ogni 15 euro di spesa. E chi fosse già dotato di contenitori per il pranzo, può optare per altri premi messi in palio da Penny Market nell’ambito dei festeggiamenti per i primi 25 anni di attività, ovvero un pratico affettatore, un frullatore o un tagliere. Ogni premio richiede una soglia di bollini differente.

Buona raccolta, dunque, con le schiscette di Penny Market.
E buon appetito!

(Contenuto di informazione pubblicitaria)