I 40 anni di Goldrake: le domande che ancora ci poniamo su UFO Robot

Goldrake compie 40 anni: ecco alcune domande che i ragazzi degli Anni '80 continuano a porsi sul mitico UFO Robot

da , il

    goldrake 2

    Goldrake compie 40 anni e il primo pensiero che ci viene in mente è “ma quanto siamo diventati grandi in fretta?” Erano le 18:45 del 4 aprile 1978 e su Rete 2 (che oggi si chiama Rai 2) andava in onda un cartone animato rivoluzionario, fatto di combattimenti perforanti, esplosioni galattiche, pugni rotanti e altre amenità nipponiche. I bambini italiani, in overdose da buonismo disneyano e perbenismo alla Hanna-Barbera, rimasero estasiati. I genitori, per lo stesso motivo, sconvolti. UFO Robot Goldrake, all’epoca noto in Italia come Atlas UFO Robot o semplicemente come UFO Robot, fu dunque un punto di svolta. Per usare un dizionario da esperti di manga ed anime, Goldrake era un mecha, ovvero un robottone, di classe super robot, cioè un pezzo unico dalle capacità prodigiose. Termini che gli italici bimbi all’epoca non immaginavano e che anche oggi solo i più nerd fra gli adulti riconoscono. A distanza di 40 anni siamo ancora tormentati da moltissimi dubbi che riguardano Goldrake ed oggi cogliamo l’occasione per dare delle risposte.

    E’ nato prima Goldrake o Mazinga?

    goldrake mazinga

    Go Nagai è il geniale disegnatore (mangaka) papà sia Goldrake che di Mazinga. Ma anche di Devilman, Mao Dante, Getter Robot, Jeeg robot d’acciaio e di centinaia di altri progetti. Cronologicamente Mazinga nasce prima di Goldrake: Nagai produsse un primo progetto riguardante un robottone pilotato da una motocicletta incastonata nella testa. Si chiamava Iron Z ed era l’antenato di Mazinga. Il progetto non fu apprezzato dalla Toei e dopo alcune modifiche nacque Mazinga. Goldrake è la terza ed ultima parte di una trilogia di mecha, le cui prime serie sono Mazinga Z e Grande Mazinga. Ma in Italia Goldrake è arrivato prima degli altri episodi, rovinando così la continuità narrativa.

    Perché Actarus si è scelto quel nome se voleva sembrare un umano qualsiasi?

    goldrake 3

    Il pilota di Goldrake è un alieno che si chiama Duke Fleed e che arriva direttamente dal pianeta Fleed (sì, l’eroe e il pianeta si chiamano allo stesso modo). Duke Fleed è in fuga interstellare dal momento che il malvagio Re Vega ha attaccato il suo popolo. Per passare inosservato e mescolarsi meglio agli umani al suo arrivo sulla Terra si cambia il nome in Actarus (nell’edizione italiana), un nome non proprio comune. Cosa avevano in testa i doppiatori italiani dell’epoca? Nella versione originale giapponese lo pseudonimo di Fleed è Daisuke Umon e in quella americana Johnny Bryant. Nomi niente male per chi voglia passare inosservato. Ma chiamarsi Actarus in Italia non è proprio una buona idea!

    Perché il pilota del disco volante che aiuta Goldrake somiglia al pilota di Mazinga Z?

    goldrake 7

    Preparatevi allo shock: si tratta in effetti della stessa persona. Il disco in questione si chiama TFO (Test Flying Object) e corre in aiuto di Godrake nella lotta contro i nemici alieni. Il pilota si chiama Koji Kabuto e in Italia è stato rinominato Alcor nella serie Goldrake e poi Ryo in Mazinga Z.

    Perché Koji Kabuto non pilota Mazinga Z?

    goldrake 8

    La domanda che sorge spontanea è una sola: “Come mai Koji Kabuto non aiuta Goldrake pilotando Mazinga Z piuttosto che svolazzare su quel trabiccolo che è il TFO?” Probabilmente bisognava creare un nuovo franchising quindi la scena andava totalmente lasciata a Goldrake. La risposta ufficiosa è che il TFO è un progetto interamente concepito e realizzato da Koji e per ragioni di affetto il nostro eroe (di serie B a questo punto…) preferisce svolazzare su di esso. Inoltre quando il gioco si fa duro Koji si mette ai comandi del Double Spacer, un veicolo volante dalla potenza di fuoco devastante che può aumentare a dismisura il potere d’offesa di Goldrake.

    Nella serie Goldrake ci sono riferimenti a Mazinga?

    Negli anni sono state create moltissime contaminazioni: anime e manga in cui i due robottoni combattono in contemporanea. Ma nella serie originaria l’unico riferimento a Mazinga Z lo troviamo nella prima puntata sotto forma di flashback.

    Perché Vega non manda tutti i nemici insieme a combattere contro Goldrake?

    goldrake 5

    E’ una domanda da 100 milioni (di schiaffi). E’ un dubbio sensato, ma ricordiamoci che siamo nell’ambito dell’intrattenimento. Se l’antagonista mandasse tutti i suoi scagnozzi insieme per accoppare l’eroe la storia finirebbe subito. E non esisterebbe il 95% dell’intrattenimento d’azione, non soltanto nei cartoni animati e nei fumetti, ma anche nel cinema e nei videogiochi. Prossima domanda?

    Perché Actarus urla i nomi delle sue armi?

    goldrake 6

    “Alabarda spaziale!… Maglio perforante!… Disintegratore!…”

    Goldrake è una macchina pilotata da leve e bottoni. Se Actarus stesse zitto durante la lotta l’emozione dello spettatore sarebbe paragonabile a quella di chi osserva un gruista che solleva un montacarichi. Poi possiamo buttarla sul filosofico immaginando che le urla nelle battaglie servano ad aumentare concentrazione, coraggio e resistenza al dolore.

    Come si chiama realmente Goldrake?

    goldrake 1

    Non si chiama né Goldrake né Ufo Robot. Il nome originale è Ufo Robot Grendizer, per gli amici solo Grendizer. Punto.

    Chi ha dato la voce ad Actarus?

    La voce di Actarus è quella del mitico Romano Malaspina, del quale vi proponiamo un’intervista. Malaspina è un attore e doppiatore e ha prestato la sua voce per una cinquantina di serie animate. In un’intervista pubblicata dal numero 31 di Mangazine ha dichiarato di essere stato scelto per il doppiaggio di Goldrake anche per il suo aspetto: sul finire degli Anni ’70 guidava infatti una moto di grossa cilindrata, con casco e stivaloni proprio come Actarus, il protagonista di Goldrake.