Grammatica Italiana

Ultime notizie su Grammatica Italiana. News e approfondimenti corredati da foto e video.

Perché si dice ‘sbolognare’?

Perché si dice ‘sbolognare’?

E' un termine gergale entrato a pieno titolo nell'Italiano standard, ma perché si dice 'sbolognare' e non ad esempio 'sveneziare'? Il riferimento al capoluogo emiliano-romagnolo c'è ed è ben preciso.

Si scrive in fondo o infondo?

Si scrive in fondo o infondo?

E' uno degli errori più comuni dell'italiano scritto: si scrive in fondo o infondo? La confusione, e dunque l'errore, deriva dal fatto che i due termini sono simili per pronuncia ma diversi per significato: mentre il primo è una locuzione avverbiale, il secondo è un verbo.

Si scrive proprio o propio?

Si scrive proprio o propio?

E' uno dei dubbi più ricorrenti della lingua italiana: si scrive proprio o propio? La forma corretta, che deriva dal latino 'proprius', è ovviamente la prima, mentre l'altra, è una forma arcaica che appartiene all'italiano popolare.

Perché si dice ‘questione di lana caprina’?

Perché si dice ‘questione di lana caprina’?

Perché si dice 'questione di lana caprina'? Come molte espressioni italiane, anche questa deriva dal latino e si usa quando si vuole cavillare su un qualcosa di per sé privo d'importanza.

Tantomeno o tanto meno, qual è la forma corretta?

Tantomeno o tanto meno, qual è la forma corretta?

Come si scrive tantomeno o tanto meno? E' meglio attaccato o staccato? Ecco le regole della grammatica italiana ed il parere autorevole dell'Accademia della Crusca sulla grafia - unita o separata - di alcuni termini italiani.

Si scrive ce ne o ce n’è?

Si scrive ce ne o ce n’è?

Si scrive ce ne o ce n'è? Qual è la regola grammaticale per scrivere correttamente ce ne sono, ce n'erano e ce n'è per tutti? Le forme sono tutte corrette, è il contesto che ci dice quale utilizzare.

Te, the o tea? Come si scrive in italiano

Te, the o tea? Come si scrive in italiano

Te, tè, the o tea: come si scrive in italiano? Ecco la grafia giusta per indicare la tipica bevanda calda inglese secondo il parere dell'Accademia della Crusca e di altri illustri dizionari italiani.