Abolite le domeniche gratis al museo: tanto rumore per nulla

Il ministro della cultura Alberto Bonisoli ha abolito l’iniziativa “Domenica al museo”, una decisione che nei giorni scorsi ha fatto molto discutere. Tenete a bada gli animi e prima di unirvi a una polemica sterile valutate se ne vale davvero la pena.

Segui autore:
    Abolite le domeniche gratis al museo: tanto rumore per nulla

    Non dover pagare per poter ammirare i grandi capolavori dell’arte è un sogno ad occhi aperti e, se è vero che i sogni son desideri, nel 2014 li ha esauditi per noi l’allora ministro della cultura Franceschini attraverso l’iniziativa “Domenica al museo“.

    Oggi con Alberto Bonisoli si torna alla realtà e, come c’era da aspettarsi, a fronte di una qualsiasi mossa politica, le critiche non si fanno attendere.

    Un dibattito edificante è sempre benvenuto ma in questo caso si sta facendo troppo rumore per nulla.

    L’oggetto della contesa

    Al centro della discussione c’è l’abolizione delle cosiddette domeniche al museo che, per decisione del ministro Alberto Bonisoli sembrano volgere al termine dopo 4 anni di successi.

    Dal 2014, ogni prima domenica del mese, cittadini e visitatori hanno avuto libero accesso ai luoghi della cultura statali e nessuno può negare che questa iniziativa abbia avuto il merito di avvicinare moltissime persone all’arte e alla storia italiana.

    E, se anche così non fosse, chi non vorrebbe poter entrare liberamente nei musei, nelle gallerie d’arte, assistere a spettacoli teatrali, concerti sinfonici e opere liriche senza dover pagare nulla?

    I pro e contro della gratuità

    abolizione Domenica al museo
    Photo by Alessandro Cristiano/Shutterstock.com

    Valutando quanto sia giusto o meno chiedere ai visitatori di pagare il biglietto per godere del patrimonio artistico e culturale del nostro Paese, dovrebbe essere naturale pensare che il costo del biglietto sia legittimo, che serva alla conservazione e al restauro delle opere in mostra, alla retribuzione del personale e alla promozione degli eventi in corso.

    Ma queste spese non sono coperte, se non in piccola parte, dai guadagni sul costo del biglietto e lo sono ancor meno da una singola giornata di visite.

    Quindi se non per finalità economiche a quale scopo privare i cittadini di questa iniziativa? Una domanda che scatena la polemica e sulle maggiori testate giornalistiche campeggiano titoli che invitano all’indignazione.

    Eppure il ministro Bonisoli nel fare il suo annuncio ha anche motivato questa scelta e ha menzionato le alternative che si prospettano per i direttori dei poli museali e per i visitatori.

    Perché nei periodi con un maggior numero di visitatori stranieri tutti i luoghi della cultura statali devono essere aperti ai turisti gratuitamente?

    Abolire la domenica al museo non significa, come molti vogliono lasciar intendere, rinunciare di educare i cittadini alla bellezza, non significa privare le persone che non possono permettersi il prezzo del biglietto di godere del nostro patrimonio artistico.

    Abolire la domenica al museo significa evitare che folle di turisti, attratti dalla possibilità di entrare senza pagare nulla, siano un pericolo per siti archeologici e beni culturali.

    Abolire la domenica al museo significa che i direttori potranno decidere quando e con quali proposte avvicinare i cittadini; potranno scegliere in base a esigenze organizzative e di calendario quali saranno le giornate ad ingresso gratuito, pianificandole al meglio e evitando il sovraffollamento e i problemi che ne derivano.

    Letture superficiali e alternative possibili

    David di Michelangelo, Firenze
    Photo by QQ7/Shutterstock.com

    Eppure, come c’era da aspettarsi, prima ancora di valutare nel merito questa decisione si sono scatenate le critiche e la tendenza, tutta italiana, al confronto con ciò che accade nei “Paesi virtuosi”, dove sembra che l’erba sia sempre più verde.

    Considerando alcuni dei maggiori musei, l’ingresso gratuito una volta al mese è garantito dal Louvre di Parigi e dall’Hermitage di San Pietroburgo, mentre al Museo del Prado di Madrid è gratuito solo nelle fasce orarie serali.

    Il British Museum di Londra è sempre gratuito ma i visitatori sono invitati a contribuire con un’offerta libera; il Guggenheim di New York è a pagamento e solo il sabato, dalle 17.00 alla chiusura, permette l’accesso con un’offerta libera.

    Il Moma è aperto gratuitamente per sole 4 ore il venerdì pomeriggio e il Metropolitan, che prima era visitabile con un contributo libero (suggerito di 25 dollari), dal 1 marzo di quest’anno non garantisce più la gratuità ai cittadini stranieri in visita nella grande mela ma solo ai residenti dello stato di New York.

    Perché non rinunciare alla polemica e valutare le alternative possibili?

    Il cambiamento potrebbe anche rivelarsi positivo e porre le basi per una gestione migliore dei siti culturali. Una delle tante possibilità, che potrebbe trovare consenso unanime, è quella di consentire l’ingresso gratuito, o ancor meglio con offerta libera, con maggior frequenza e limitatamente ad alcune fasce orarie.

    La fine delle domeniche al museo non preclude che ci possano essere iniziative altrettanto lodevoli ma, in attesa di quello che accadrà, mi limito a ricordare che la parola “patrimonio” (dal lat. pater) esprime un legame tra noi e chi ci ha preceduto.

    Il patrimonio artistico e culturale è, come rivela il nome stesso, un bene che si tramanda di padre in figlio; educare i cittadini alla bellezza di questa eredità significa renderli partecipi in prima persona e ricordare che si può e si deve – anche economicamente – contribuire alla cultura e all’arte.