Le migliori facoltà di Agraria e Veterinaria secondo il Censis

Quali sono le migliori facoltà di Agraria e Veterinaria in Italia? In questo focus le scopriremo grazie alla classifica Censis 2015 e agli approfondimenti statistici forniti da Almaurea.

Pubblicato da Beatrice Elerdini Lunedì 18 aprile 2016

Le migliori facoltà di Agraria e Veterinaria secondo il Censis

Quali sono le migliori facoltà di Agraria e Veterinaria in Italia? Se si vuole avere una visione completa e dettagliata di questo spaccato universitario, è fondamentale analizzare diversi parametri. Censis ha redatto la classifica delle facoltà più virtuose, valutando non soltanto le dimensioni dei singoli atenei, ma anche e soprattutto altri due parametri: i progetti di ricerca e la produttività scientifica.

Almalaurea invece si è focalizzata sull’analisi dei dati più specifici di ogni singolo ateneo, redigendo quindi un quadro informativo completo: mette in luce, ad esempio, il tasso di occupazione dei neolaureati, le percentuali di impiego nei settori pubblico e privato, le possibilità di guadagno e le relative differenze esistenti tra uomo e donna.

In questo focus, innanzitutto elencheremo le 10 migliori Facoltà di Agraria e Veterinaria in Italia, secondo la classifica Censis 2015, poi entreremo nel dettaglio di ognuna, grazie al prospetto informativo offerto da Almalaurea.

Il piano di studi e gli sbocchi

La facoltà di Agraria e Veterinaria offre un’ampio spettro di competenze, che spaziano dalle tematiche di tutela ambientale, faunistica e del territorio, nondimeno di sicurezza alimentare. Da un lato, gli agronomi sono principalmente liberi professionisti ma anche dipendenti pubblici e consulenti delle aziende agricole. Dall’altro, i veterinari, trovano occupazione nelle aree funzionali veterinarie (sanità animale, alimenti, ambiente e benessere animale) del Servizio Sanitario Nazionale, nondimeno esiste la possibilità di diventare liberi professionisti in ambito zootecnico (industria mangimistica e degli integratori alimentari, selezione e miglioramento genetico degli animali in produzione, benessere animale, gestione e igiene degli allevamenti, qualità delle produzioni), farmaceutico (consulenza e supporto tecnico, ricerca e sviluppo, regolazione e registrazione) e ispettivo (igiene della produzione, tecnologie della trasformazione e gestione della filiera degli alimenti di origine animale).


Classifica delle Università italiane di Agraria e Veterinaria


01) Tuscia

La Facoltà di Agraria e Veterinaria di Tuscia è la migliore d’Italia, secondo la classifica Censis. Ha ottenuto un punteggio di 110,0 per i progetti di ricerca e 99,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 104,5. Secondo i dati Almalaurea, relativi all’anno 2013, a un anno dal conseguimento della laurea, il tasso di occupazione è
del 37,5% per chi ha una laurea di primo livello, percentuale che arriva al 55% per chi ha ottenuto una laurea magistrale. Nel settore privato ha trovato lavoro il 66,7% di chi ha ottenuto una laurea di primo livello, percentuale che lievita sino all’81,8% per chi ha una laurea magistrale. In termini di guadagno, il percepito dalle donne con laurea di primo livello, è sostanzialmente un rimborso spese, 200 euro, e anche nel caso di laurea magistrale, il percepito dalle donne è nettamente inferiore a quello dei colleghi uomini.

Anno 2013 / Dopo 1 anno dalla laurea
Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
34
\\
24
Età media laurea
27,2
\\
30,5
Voto medio laurea
101,6
\\
109,6
Durata media laurea
5,2
\\
2,7
Tasso occupazione
37,5%
\\
55,0%
Tasso nazionale
40,6%
\\
65,0%
Lavoro pubblico
33,3%
\\
18,2%
Lavoro privato
66,7%
\\
81,8%
Lavoro non profit
0,0%
\\
0,0%
Guadagno uomini
833
\\
1.010
Guadagno donne
200
\\
734


02) Verona

La Facoltà di Agraria e Veterinaria di Verona conquista il secondo posto della classifica Censis con un punteggio di 97,0 per i progetti di ricerca e 110,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 103,5. I dati Almalaurea per questo ateneo non sono purtroppo disponibili.

Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
\\
\\
\\
Età media laurea
\\
\\
\\
Voto medio laurea
\\
\\
\\
Durata media laurea
\\
\\
\\
Tasso occupazione
\\
\\
\\
Tasso nazionale
\\
\\
\\
Lavoro pubblico
\\
\\
\\
Lavoro privato
\\
\\
\\
Lavoro non profit
\\
\\
\\
Guadagno uomini
\\
\\
\\
Guadagno donne
\\
\\
\\


03) Milano

La facoltà di Agraria e Veterinaria di Milano si colloca al terzo posto della classifica Censis con un punteggio di 89,0 per i progetti di ricerca e 110,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 99,5. I dati Almalaurea per l’ateneo milanese non sono purtroppo disponibili.

Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
\\
\\
\\
Età media laurea
\\
\\
\\
Voto medio laurea
\\
\\
\\
Durata media laurea
\\
\\
\\
Tasso occupazione
\\
\\
\\
Tasso nazionale
\\
\\
\\
Lavoro pubblico
\\
\\
\\
Lavoro privato
\\
\\
\\
Lavoro non profit
\\
\\
\\
Guadagno uomini
\\
\\
\\
Guadagno donne
\\
\\
\\


04) Bologna

La Facoltà di Agraria e Veterinaria di Bologna si colloca al quarto posto della classifica Censis ex equo con Torino. Ha ottenuto un punteggio di 91,0 per i progetti di ricerca e 99,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 95,0. Secondo i dati forniti da Almalaurea, relativi all’anno 2014, riferiti alla Scuola di Agraria e Veterinaria, a un anno di distanza dal conseguimento della laurea, il tasso di occupazione è inferiore al 50% soltanto nel caso di laurea di primo livello. Soltanto il 7,1% di chi ha ottenuto una laurea magistrale a ciclo unico ha trovato un impiego nel settore privato. Più dell’80% dei laureati, indipendentemente dal livello, ha trovato invece lavoro nel settore privato. In termini di guadagno, il percepito delle donne è nettamente inferiore a quello dei colleghi uomini, su tutta la linea.

Anno 2014 / Dopo 1 anno dalla laurea
Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
197
124
115
Età media laurea
25,6
27,7
26,3
Voto medio laurea
102,5
101,3
110,2
Durata media laurea
4,5
7,8
2,4
Tasso occupazione
45,1%
56,0%
59,8%
Tasso nazionale
48,4%
65,0%
79,3%
Lavoro pubblico
15,9%
7,1%
10,9%
Lavoro privato
80,5%
91,1%
85,5%
Lavoro non profit
3,7%
1,8%
3,6%
Guadagno uomini
1.025
980
1.085
Guadagno donne
629
744
890


4) Torino

La Facoltà di Agraria e Veterinaria di Torino si colloca al quarto posto, nella classifica Censis, ex equo con Bologna. Ha ottenuto un punteggio di 90,0 per i progetti di ricerca e 100,0 per la produttività scientifica con un voto medio di 95,0. Secondo i dati Almalaurea relativi all’anno 2014, a un anno di distanza della laurea, il tasso di occupazione è pari al 58,1% per chi ha ottenuto una laurea di primo livello, e diventa del 67,6% per chi ha una laurea magistrale. Solo il 4% di chi ha conseguito una laurea di primo livello ha trovato un impiego nel settore pubblico, la stragrande maggioranza dei neolaureati, indipendentemente dal livello, ha trovato lavoro nel settore privato. Gli stipendi percepiti dalle donne, in caso di laurea di primo livello, sono lievemente superiori a quelli degli uomini, situazione che si capovolge con una differenza più sostanziosa, in caso di laurea magistrale.

Anno 2014 / Dopo 1 anno dalla laurea
Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
47
\\
41
Età media laurea
25,3
\\
27,6
Voto medio laurea
96,2
\\
106,0
Durata media laurea
5,0
\\
3,0
Tasso occupazione
58,1%
\\
67,6%
Tasso nazionale
58,1%
\\
89,2%
Lavoro pubblico
4,0%
\\
16,0%
Lavoro privato
92,0%
\\
84,0%
Lavoro non profit
4,0%
\\
0,0%
Guadagno uomini
740
\\
1.274
Guadagno donne
790
\\
1.042


06) Pisa

La Facoltà di Agraria e Veterinaria di Pisa, si colloca al sesto posto della classifica Censis con un punteggio di 80,0 per i progetti di ricerca e 108,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 94,0. I dati Almalaurea relativi a questo ateneo non sono purtroppo disponibili.

Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
\\
\\
\\
Età media laurea
\\
\\
\\
Voto medio laurea
\\
\\
\\
Durata media laurea
\\
\\
\\
Tasso occupazione
\\
\\
\\
Tasso nazionale
\\
\\
\\
Lavoro pubblico
\\
\\
\\
Lavoro privato
\\
\\
\\
Lavoro non profit
\\
\\
\\
Guadagno uomini
\\
\\
\\
Guadagno donne
\\
\\
\\


07) Padova

La Facoltà di Agraria e Veterinaria di Padova si colloca al settimo posto della classifica Censis, con un punteggio di 87,0 per i progetti di ricerca e 100,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 93,5. Secondo i dati Almalaurea, relativi all’anno 2014, a un anno dal conseguimento della laurea, il tasso di occupazione è pari al 45,8% per chi ha una laurea di primo livello, la percentuale lievita al 65,6% per chi ha conseguito una laurea magistrale. Nel settore privato ha trovato un impiego il 77,8% di chi ha ottenuto una laurea di primo livello, la percentuale scende al 61,9% per chi ha conseguito una laurea magistrale. In termini di guadagno il percepito degli uomini è nettamente superiore a quello delle donne, su tutta la linea.

Anno 2014 / Dopo 1 anno dalla laurea
Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
63
\\
35
Età media laurea
25,5
\\
27,2
Voto medio laurea
96,4
\\
107,9
Durata media laurea
4,7
\\
2,7
Tasso occupazione
45,8%
\\
65,6%
Tasso nazionale
49,2%
\\
81,3%
Lavoro pubblico
22,2%
\\
23,8%
Lavoro privato
77,8%
\\
61,9%
Lavoro non profit
0,0%
\\
14,3%
Guadagno uomini
1.054
\\
1.260
Guadagno donne
738
\\
885


08) Bari

La Facoltà di Agraria e Veterinaria di Bari si colloca all’ottavo posto della classifica Censis. Ha ottenuto un punteggio di 84,0 per i progetti di ricerca e 102,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 93,0. Secondo i dati Almalaurea, relativi all’anno 2013, a un anno dal conseguimento della laurea, il tasso di occupazione è pari al 34,1% per chi ha una laurea di primo livello, la percentuale sale al 47,2% per chi ha ottenuto una laurea magistrale. La quasi totalità dei neolaureati ha trovato lavoro nel settore privato, mentre una piccola percentuale pari al 5,9% ha trovato impiego nel settore no profit. In termini di guadagno, il percepito delle donne è nettamente inferiore a quello degli uomini e nel caso di laurea magistrale, il guadagno maschile è più del doppio di quello femminile.

Anno 2013 / Dopo 1 anno dalla laurea
Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
99
\\
40
Età media laurea
26,0
\\
29,2
Voto medio laurea
104,0
\\
110,7
Durata media laurea
4,6
\\
2,6
Tasso occupazione
34,1%
\\
47,2%
Tasso nazionale
35,2%
\\
75%
Lavoro pubblico
10,0%
\\
11,8%
Lavoro privato
90,0%
\\
82,4%
Lavoro non profit
0,0%
\\
5,9%
Guadagno uomini
925
\\
1.117
Guadagno donne
636
\\
420


09) Molise

La Facoltà di Agraria e Veterinaria del Molise si colloca al nono posto della classifica Censis. Ha ottenuto un punteggio di 104,0 per i progetti di ricerca e 81,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 92,5. Secondo i dati forniti da Almalaurea, relativi all’anno 2013, a un anno dal conseguimento della laurea, il tasso di occupazione è pari al 25,0% per chi ha una laurea di primo livello, la percentuale cresce sino al 42,3% per chi ha ottenuto una laurea magistrale. Solo il 9,1% di chi ha conseguito una laurea magistrale ha trovato lavoro nel settore pubblico, mentre la grande maggioranza dei neolaureati, indipendentemente dal livello, ha trovato un impiego nel settore privato. In termini di guadagno, lo stipendio delle donne oltre a essere irrisorio, è pari alla metà di quello degli uomini, in caso di laurea di primo livello, tuttavia, anche in caso di laurea magistrale risulta nettamente maggiore quello degli uomini.

Anno 2013 / Dopo 1 anno dalla laurea
Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
49
\\
29
Età media laurea
25,4
\\
28,6
Voto medio laurea
98,2
\\
109,1
Durata media laurea
5,3
\\
3,1
Tasso occupazione
25,0%
\\
42,3%
Tasso nazionale
25,0%
\\
69,2%
Lavoro pubblico
27,3%
\\
9,1%
Lavoro privato
72,7%
\\
90,9%
Lavoro non profit
0,0%
\\
0,0%
Guadagno uomini
876
\\
912
Guadagno donne
317
\\
626


10) Firenze

La Facoltà di Agraria e Veterinaria di Firenze conquista il decimo posto della classifica Censis ex equo con Napoli Federico II. Ha ottenuto un punteggio di 91,0 per i progetti di ricerca e 89,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 90,0. Secondo i dati Almalaurea, relativi all’anno 2014, a un anno dal conseguimento della laurea, il tasso di occupazione è del 44,0% in caso di laurea di primo livello, percentuale che cresce sino al 64,7% in caso di laurea magistrale. Solo il 9,1% di chi ha conseguito una laurea di primo livello ha trovato un impiego nel settore pubblico. Più dell’80,0% dei neolaureati, indipendentemente dal livello, ha trovato invece lavoro nel settore privato. In fatto di guadagni, il percepito delle donne è sempre nettamente inferiore a quello dei colleghi uomini.

Anno 2014 / Dopo 1 anno dalla laurea
Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
83
\\
43
Età media laurea
25,0
\\
27,9
Voto medio laurea
102,3
\\
110,4
Durata media laurea
4,9
\\
3,1
Tasso occupazione
44,0%
\\
64,7%
Tasso nazionale
49,3%
\\
79,4%
Lavoro pubblico
9,1%
\\
18,2%
Lavoro privato
84,8%
\\
81,8%
Lavoro non profit
6,1%
\\
0,0%
Guadagno uomini
836
\\
1.132
Guadagno donne
672
\\
717


10) Napoli Federico II

La Facoltà di Agraria e Veterinaria di Napoli Federico II conquista il decimo posto della classifica Censis ex equo con Firenze. Ha ottenuto un punteggio di 78,0 per i progetti di ricerca e 102,0 per la produttività scientifica, con un voto medio di 90,0. Secondo i dati forniti da Almalaurea, relativi all’anno 2014, a un anno dal conseguimento della laurea, il tasso di occupazione è del 39,3% per chi ha una laurea di primo livello, percentuale che scende leggermente al 32,4% per chi ha una laurea magistrale. L’occupazione nel settore privato supera l’80%, indipendentemente dal livello. In termini di stipendio, ancora una volta sono le neolaureate donne a percepire stipendi inferiori a quelli dei colleghi uomini.

Anno 2014 / Dopo 1 anno dalla laurea
Laurea di primo livello
Laurea specialistica / magistrale a ciclo unico
Laurea specialistica / magistrale
Numero laureati
69
\\
44
Età media laurea
25,7
\\
26,8
Voto medio laurea
95,4
\\
106,2
Durata media laurea
5,0
\\
2,8
Tasso occupazione
39,3%
\\
32,4%
Tasso nazionale
41,0%
\\
59,5%
Lavoro pubblico
16,7%
\\
16,7%
Lavoro privato
83,3%
\\
83,3%
Lavoro non profit
0,0%
\\
0,0%
Guadagno uomini
629
\\
903
Guadagno donne
587
\\
709