Formigoni in carcere, gli amici: ‘Attendeva un segno dall’alto’

La Corte di Cassazione ha condannato l'ex governatore lombardo Roberto Formigoni a 5 anni e 10 mesi di carcere per la vicenda Maugeri. In appello Formigoni era stato condannato a 7 anni e 6 mesi di carcere.

Pubblicato da Kati Irrente Venerdì 22 febbraio 2019

Formigoni in carcere, gli amici: ‘Attendeva un segno dall’alto’
Roberto Formigoni. ANSA/ANGELO CARCONI

Per Roberto Formigoni si aprono le porte del carcere con la sentenza della Cassazione che giovedì 21 febbraio è stata chiamata a esprimere il giudizio definitivo nel processo in cui l’ex governatore della Lombardia era accusato di corruzione per i presunti fondi neri creati dalla Fondazione Maugeri e dall’ospedale San Raffaele. In appello i giudici hanno sentenziato la condanna a a 7 anni e mezzo di carcere. La sentenza definitiva è di 5 anni e 10 mesi. Il sostituto Pg di Milano Antonio Lamanna ha subito firmato l’ordine di esecuzione della pena per l’ex governatore lombardo Roberto Formigoni, che è stato prelevato dalla sua casa in zona fiera e portato in carcere a Bollate.

Formigoni condannato a 5 anni di carcere

Roberto Formigoni è stato giudicato colpevole e condannato anche in Cassazione a 5 anni di carcere (pena leggermente ridotta per sopraggiunta prescrizione di alcuni capi di imputazione). I giudici hanno anche confermato la condanna a7 anni 7 mesi per Costantino Passerino, ex direttore generale della Fondazione Maugeri, e a 3 anni e 4 mesi per l’imprenditore Carlo Farina.

Come si legge in un articolo apparso sul Corriere della Sera, Formigoni ci ha creduto fino alla fine di poter scampare alla condanna. Fino all’ultimo è rimasto in attesa di un ‘segno dall’alto’, raccontano gli amici che gli sono rimasti vicini nelle ore di attesa, ‘perché sulla terra sembrava tutto già deciso’.

Nell’infografica realizzata da Centimetri il giro dei soldi tra Fondazione Maugeri e San Raffaele, Daccò e Formigoni.
ANSA/CENTIMETRI

Formigoni in carcere con la legge spazzacorrotti

Formigoni, già allievo di don Luigi Giussani, è finito in carcere per effetto della recente legge anticorruzione. La nuova norma ‘spazzacorrotti’, infatti, ha previsto una stretta nelle possibilità di richiedere misure alternative al carcere (tra cui rientra anche la detenzione domiciliare per gli ultrasettantenni come Formigoni, che ha 71 anni) per i condannati per reati contro la pubblica amministrazione.

Leggi anche Formigoni e il caso Maugeri: ”Tolti 70 milioni ai malati per sollazzarsi”

Il processo in pillole

Al centro del processo, durato 7 anni, il settore della Sanità lombarda, fiore all’occhiello dei 18 anni di amministrazione Formigoni. La Cassazione ha confermato che l’ex governatore grazie a una serie di delibere del Pirellone, avrebbe favorito il San Raffaele e la Fondazione Maugeri, poli di eccellenza ai quali sarebbe stata assicurata una “protezione globale”.

Dalle casse dei due ospedali privati sarebbero usciti illecitamente 60 milioni di euro per poi finire su conti esteri, intestati all’imprenditore Pierangelo Daccò e all’ex assessore alla Sanità Antonio Simone, che poi avrebbero ricompensato con una serie di ‘benefit’ Formigoni, i suoi amici e familiari per circa 6 milioni di euro.

Tra loro anche il commercialista Alberto Perego, storico amico del governatore lombardo e ‘Memores Domini’ di Comunione Liberazione come lui, che ha comprato da Daccò una villa affacciata sul golfo di Arzachena, in Sardegna, a prezzi molto inferiori rispetto a quelli di mercato.

Leggi anche: Quando Formigoni si sfogava: ‘Ho perso tutto, sono costretto a prendere i mezzi pubblici’