La mamma del bimbo ucciso a Cardito: ‘Ero scioccata, non riuscivo a muovermi’

Agli inquirenti la donna ha raccontato di aver visto il suo compagno molto arrabbiato che ha cominciato a picchiare i suoi figli, ma di non reagito perché sotto shock

Pubblicato da Kati Irrente Venerdì 1 febbraio 2019

La mamma del bimbo ucciso a Cardito: ‘Ero scioccata, non riuscivo a muovermi’
Fiori e peluche per il bimbo vittima di violenza domestica di Cardito a Napoli. ANSA/CESARE ABBATE

Dopo che Tony Essobti Badre ha confessato di aver ucciso a calci, pugni e bastonate il figlio di sette anni della compagna Valentina Casa, i PM hanno voluto ascoltare anche la donna, come testimone dei fatti. La trentunenne non risulta infatti indagata, ma gli inquirenti l’hanno comunque interrogata per chiarire il quadro probatorio nei confronti del compagno arrestato a Cardito (Napoli).

La confessione di Tony Essobti Badre

Tony Essoubti Badre/ANSA

Tony Essobti Badre, 24 anni, compagno di Valentina Casa, ma non padre dei suoi figli, si è prima dichiarato innocente sostenendo che il bimbo fosse caduto dalle scale, poi ha confessato di aver colpito ripetutamente e con violenza Giuseppe, 7 anni, e di aver ferito la sorellina Noemi, di 8 anni, due dei figli della compagna.

Leggi anche Le dichiarazioni della bimba sopravvissuta: ‘E’ stato Tony a picchiarci’

Il giovane è stato interrogato nel carcere di Poggioreale dal gip del Tribunale di Napoli Nord, che ha convalidato il fermo con le accuse di omicidio volontario aggravato dai futili motivi e di lesioni aggravate. Il compagno della 31enne Valentina Casa “ha ammesso le proprie responsabilità e ha chiarito alcuni punti oscuri” della tragedia che ha scosso tutta Italia. Come ad esempio il motivo della violenza: i bimbi avevano rotto la testata del letto ‘appena comprata con sacrifici’.

Leggi anche Tony confessa ‘avevano rotto il letto appena preso’

Le dichiarazioni dei genitori dei piccoli presi a bastonate

Il padre di Giuseppe, Felice Dorice, parla ai microfoni di Pomeriggio 5

Sulla vicenda aveva lasciato alcune dichiarazioni anche il padre del piccolo Giuseppe, dopo aver saputo che suo figlio era stato ucciso a Cardito dalle botte del patrigno. Aveva dichiarato che la sua ex gli aveva imposto di non frequentare la sua casa, così era stato costretto a stare lontano dai suoi bambini.

Leggi anche Parla il padre del bimbo ucciso a Cardito: ‘Era la mia ex a dirmi di non chiamare’

E dopo l’interrogatorio di Valentina, come persona informata sui fatti, trapela che agli inquirenti la donna, 30 anni, ha raccontato di aver visto il suo compagno molto arrabbiato che ha cominciato a picchiare i suoi figli, ma di non essere stata capace di reagire perché era scioccata.

Quello che i pm vogliono chiarire è non solo la posizione della donna, ma anche cosa sia realmente successo tra le botte ai bimbi e la chiamata dei soccorsi. In base a quanto emerso, infatti, sarebbero passate almeno 4 ore tra l’aggressione e la telefonata al 118. Il bambino poteva essere salvato se fosse stato portato immediatamente in ospedale, e non curato con una pomata?

Leggi anche Bimbo ucciso a Cardito, Giuseppe poteva essere salvato: la morte dopo una lenta agonia