Capotreno fa scendere migranti senza biglietto: Salvini le rende onore [VIDEO]

Pubblicato da Redazione NanoPress Lunedì 15 ottobre 2018

Capotreno fa scendere migranti senza biglietto: Salvini le rende onore [VIDEO]
Matteo Salvini / Ansa

iIn Sardegna una capotreno ha fatto scendere almeno sette migranti dal treno Iglesias-Cagliari, fra cui donne e un bambino in braccio, perché sprovvisti dei biglietti. La scena è stata ripresa da un passeggero e postata su Facebook. Il video è diventato virale perché riproposto e commentato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Ecco il messaggio con cui Salvini ha accompagnato il suo post su Facebook:

Questo non lo vedrete nei tigì, facciamo girare!
Onore a questa capotreno che, in Sardegna, fa scendere un gruppo di scrocconi!
Il clima è cambiato, #tolleranzazero con i furbetti, anche con un uso massiccio delle Forze dell’ordine.
Se vuoi viaggiare, PAGHI come tutti i cittadini perbene!

Oltre a numerosissimi commenti di apprezzamento, alcuni utenti hanno anche avanzato delle perplessità:

Qualcuno si domanda se la capotreno avesse i poteri per far scendere le persone sprovviste di biglietto: “Ma il capotreno ha il potere legale di far scendere dal treno chi è senza biglietto? A me pare di no. Deve far loro il biglietto con multa, pagabile anche non subito, e al massimo chiamare la polizia quando il treno si ferma in una stazione”..

Qualcun altro trova ingiusto trattare in questo modo una madre con un bambino piccolo: “Mi pare azzardato.. Il bambino con la sua mamma non andavano abbandonati cosi in campo aperto” (in realtà il regolamento ferroviario prescrive in questi casi di far scendere chi viaggia senza biglietto alla prima stazione utile, come successo ndr). “Bisognava coordinarsi con la polizia ferroviaria e far scendere il gruppo alla stazione. Salvini ha sempre sostenuto che le donne e i bambini devono essere salvaguardati. Aggiungo che un piccolino che dorme scaricato in aperta campagna è davvero un atto di prepotenza e di grettezza oltre ad essere pericoloso”.

Altri la buttano sull’ironia, alludendo all’abitudine di molti italiani di viaggiare senza biglietto: “Si sono integrati benissimo”