Razzismo: imprenditore compra la pagina di un giornale contro il pregiudizio e l’intolleranza

Intolleranti verso l’intolleranza: la scelta di un imprenditore di schierarsi contro razzismo e pregiudizi

da , il

    Razzismo: imprenditore compra la pagina di un giornale contro il pregiudizio e l’intolleranza

    Il messaggio che si legge sulla pagina di giornale ‘affittato’ da un imprenditore vinicolo di Treviso è interamente contro il razzismo: ”Intolleranti verso l’intolleranza. La violenza delle parole e dei fatti non è più tollerabile. Non rappresenta né l’Italia né gli italiani. Ora basta! Il rispetto della persona prescinde colore, genere e religione”. L’idea di Paolo Polegato, amministratore delegato di Astoria Vini, nonché padre adottivo di due ragazzi afrocubani, è quella di dire pubblicamente che c’è una parte d’Italia fermamente contraria a ogni forma di razzismo e intolleranza.

    Su Facebook la foto che mostra una ragazza africana le cui labbra sono dipinte col tricolore è stata accompagnata da queste parole, citando anche Martin Luther King:

    La violenza delle parole e dei fatti non è più tollerabile.

    Per questo abbiamo deciso di uscire pubblicamente con questo messaggio domani sulla stampa Nazionale, ci schieriamo contro l’intolleranza: “può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla.” MLK

    #intollerantiversolintolleranza #metwo #paradossodellatolleranza #astoriawines

    Mentre Polegato ha sottolineato che “L’indifferenza è una forma pericolosissima di fiancheggiamento”. “Vedo la diffidenza, l’alzata di cigolio, vedo il pregiudizio. Il ferimento dell’atleta è l’ultimo atto di un’escalation che non si può sempre giustificare tirando in ballo la stupidità della gente. Questi non sono ebeti, sono dei delinquenti”, conclude.