Mondiali 2018, inciviltà e devastazioni dopo la vittoria della Francia

A Roma tifosi incivili hanno fatto il bagno nella fontana di Campo de Fiori. In Francia scene di guerriglia urbana a Parigi, Lione e in altre città. La polizia ha reagito con idranti e lacrimogeni

da , il

    Mondiali 2018, inciviltà e devastazioni dopo la vittoria della Francia

    La Francia ha vinto il Mondiale di calcio 2018 e come spesso accade l’euforia della vittoria è andata a braccetto con l’inciviltà.

    A Roma a Campo de Fiori un manipolo di francesi ebbri di orgoglio patriottico e di etanolo ha fatto il bagno nella fontana storica che adorna la piazza. La copia ottocentesca della vasca della Terrina è diventata una sorta di piscina da pool party in cui tifosi più o meno invasati hanno alternato spruzzi a schiamazzi e risate. Una scena deplorevole ma purtroppo già vista: torna alla memoria lo scempio compiuto dagli hooligans olandesi del Feyenoord alla Barcaccia di piazza di Spagna nel 2015. Per quello scempio che causò danni per centinaia di migliaia di euro finirono a processo 44 olandesi.

    Il commento più duro è quello di Vittorio Sgarbi: “Queste scene mostrano il livello di civiltà di un popolo. Noi siamo in grado di autoregolarci, francesi e olandesi sono barbari, mi viene in mente il sacco di Roma”.

    Francia in preda ai vandali

    Ma tutto sommato a Roma è andata anche bene: a Parigi e in altre città francesi i festeggiamenti sono degenerati in vere e proprie rivolte di piazza, con tanto di saccheggi e devastazioni. Parigi, Lione, Rouen, Mentone e altre città sono diventate dei veri e propri campi di battaglia.

    La polizia in tenuta antisommossa ha dovuto rispondere con l’utilizzo di lacrimogeni e idranti. I vandali hanno infranto vetrine e rubato tutto quel che poteva essere portato via. Ma non solo: oltre ai furti si sono registrati diversi episodi di devastazione, per il puro piacere di distruggere. Qui sotto alcuni teppisti infrangono la vetrina di un concessionario di moto e rubano tutto ciò che possono.