Grave incidente a Lecce: bambino di 8 anni vaga nel buio in cerca di aiuto

Avvenuto sulla Strada Provinciale 131, tra il comune di Surbo e la località di Torre Rinalda, vicino a Lecce, ha provocato due morti e 4 feriti

Pubblicato da Beatrice Elerdini Lunedì 16 luglio 2018

Grave incidente a Lecce: bambino di 8 anni vaga nel buio in cerca di aiuto
Ospedale di Lecce / ansa

Grave incidente in provincia di Lecce: nella notte tra sabato 14 e domenica 15 luglio sulla strada che da Surbo porta a Torre Rinalda, una famiglia stava tornando verso casa da un ricevimento di nozze, quando all’improvviso l’auto si è schiantata violentemente contro un altro mezzo. L’unico a rimanere cosciente è stato il figlio di 8 anni, che ha iniziato a chiamare i suoi genitori e la sorellina, ma nessuno gli ha risposto, così ha deciso di uscire dall’auto in cerca di aiuto nel cuore della notte.

Sul posto sono intervenute le ambulanze del 118, i vigili del fuoco, gli agenti della polizia stradale e delle volanti di Lecce. Il piccolo ha vagato per qualche minuto nel buio in mezzo alla campagna in cerca di qualcuno che potesse aiutare lui e la sua famiglia. A un certo punto i soccorritori lo hanno recuperato seguendo il suo pianto e lo hanno immediatamente trasportato all’ospedale Fazzi di Lecce dove è stato ricoverato in pediatria. Fortunatamente dopo i primi controlli i medici hanno dichiarato che il piccolo non ha riportato nessuna grave lesione.

Tutt’altro destino invece per il padre, l’ex finanziere 41enne Franco Calogiuri, che è morto incastrato tra le lamiere dell’Audi A6 scontratasi con una Fiat Panda. La mamma, Roberta Budano, e la sorellina di dieci anni sono state ricoverate e attualmente versano in gravi condizioni. Portata d’urgenza in ospedale anche la donna che viaggiava sul sedile passeggero nell’altra vettura coinvolta del grave incidente. La seconda vittima è il marito della donna, Santo Greco, 68 anni. Anche loro stava tornando da un matrimonio: due coppie che provenivano dallo stesso genere di evento sono rimaste travolte dal medesimo tragico destino.