Latina: arrestati 6 gestori di centri migranti per truffa e maltrattamenti

Strutture sovraffollate, carenze igienico-sanitarie e frode nelle pubbliche forniture, sono le accuse di cui dovranno rispondere i responsabili dei centri di accoglienza straordinaria coinvolti nello scandalo

da , il

    Latina: arrestati 6 gestori di centri migranti per truffa e maltrattamenti

    Nuovo scandalo nei centri di accoglienza per immigrati: a Latina sono finiti in manette 6 responsabili di Onlus impiegate nella gestione di diversi Centri di Accoglienza Straordinaria (C.A.S.) nel sud Pontino. Gli arrestati sono accusati di falso, truffa aggravata, frode nelle pubbliche forniture e maltrattamenti nei confronti dei migranti. La misura di custodia cautelare in carcere è scattata a seguito delle accurate indagini effettuate dai poliziotti della Squadra Mobile di Latina, in collaborazione con il Commissariato di Fondi.

    Durante i numerosi sopralluoghi nei centri di accoglienza finiti nel mirino, gli agenti hanno riscontrato gravi condizioni di sovraffollamento, insufficienti condizioni igienico sanitarie, inoltre è emerso che i soggetti accusati erano soliti maltrattare i migranti ospitati presso le loro strutture.

    La Polizia ha visionato anche tutta la documentazione depositata dalle Onlus per la partecipazione ai bandi di gara relativi all’accoglienza dei migranti e sono state rilevate numerose e gravi violazioni relative agli obblighi assunti in fase di aggiudicazione della gara. Infine le realtà incriminate si ‘spartivano’ i migranti con un’altra Onlus, senza che ciò fosse reso noto alla Prefettura di Latina.