Sospetta la clonazione del bancomat ma scopre il tradimento della moglie

Un uomo, allarmato dagli ammanchi sul conto, pensava a una truffa di qualche clonatore invece ha scoperto che la moglie lo tradiva

Pubblicato da Kati Irrente Giovedì 14 giugno 2018

Sospetta la clonazione del bancomat ma scopre il tradimento della moglie
/ ansa

Mancavano dei soldi dal conto cointestato con la moglie, e aveva creduto di essere l’ennesima vittima di una truffa messa in atto dalle bande che clonano i bancomat. Controllando saldo e lista dei movimenti, l’uomo, un 40enne originario di Pagani, centro in provincia di Salerno, riscontrando tante anomalie, ha subito contattato i Carabinieri per denunciare il fatto. Poi, l’amara scoperta. A effettuare i prelievi sul conto dell’uomo era stata sua moglie, che evidentemente aveva pagato della merce e delle soste in albergo mentre non si trovava insieme a lui.

Denuncia gli ammanchi sul conto ma scopre il tradimento della moglie

I carabinieri, dopo aver ricevuto la denuncia del quarantenne paganese, si sono messi sulle tracce dei movimenti registrati dalla carta di credito.

La maggior parte dei prelievi dal conto si riferivano a soste presso alberghi poco distanti dalla zona di residenza.

A effettuare i pagamenti non erano però degli sconosciuti che avevano clonato la carta bancomat della famiglia, ma era la stessa coniuge del denunciante, che spendeva denaro per affittare camere d’albergo all’insaputa del marito.

Le indagini hanno poi permesso di chiarire che la donna affittava le stanze in albergo per i suoi incontri amorosi con l’amante, di cui ovviamente il marito (con il quale – tra l’altro – ha dei bimbi piccoli) non sapeva nulla.

Ovviamente, essendo la donna cointestataria del conto corrente da cui prelevava denaro, non è stata in alcun modo perseguita, poiché legittimata a spendere quei soldi.

Non si trattava dunque di una truffa o di un tentativo di clonazione della carta, con conseguente ammanco di denaro. Ma si trattava delle scappatelle della moglie.

La denuncia è quindi caduta, e all’uomo sono rimasti meno denari sul conto (diverse migliaia di euro) e la consapevolezza provata che la donna lo ha tradito più volte, pagando di tasca propria persino le camere d’albergo ‘galeotte’, teatro dei tradimenti ai danni del marito.