Sassari: si chiamava Alessandro Ortu, il 22enne morto carbonizzato nel rogo della sua auto

Studiava giurisprudenza e da poco aveva trovato lavoro da Bershka: era molto felice. Alessandro era tanto amato dalla sua famiglia e dai suoi amici. La notizia della sua morte è stato uno shock per l'intero paese.

da , il

    Sassari: si chiamava Alessandro Ortu, il 22enne morto carbonizzato nel rogo della sua auto

    E’ stata una maledetta domenica quella appena trascorsa: intorno alle 17.00, sulla Sassari-Alghero all’ingresso della città, nel sottopasso vicino a ‘Globo’, un ragazzo di 22 anni ha perso tragicamente la vita. L’auto su cui stava viaggiando è finita contro un pilone del ponte e ha preso fuoco: il giovane è morto carbonizzato, imprigionato nell’abitacolo da cui non è riuscito a fuggire. Si chiamava Alessandro Ortu e si stava dirigendo al lavoro.

    Aveva appena 22 anni Alessandro, di Porto Torres: studiava Giurisprudenza e da alcuni mesi aveva trovato lavoro da Bershka, nel punto vendita della Galleria Auchan di Sassari. Era molto contento e sin da subito aveva mostrato grande attitudine al rapporto con i clienti. Gli abitanti del suo paese sono rimasti tutti sotto shock alla notizia della morte improvvisa e del tutto inaspettata di Alessandro. Poi ci sono i suoi amici, che sono rimasti letteralmente senza parole. E naturalmente la famiglia, che si trova con il cuore spezzato. I genitori del ragazzo sono molto conosciuti a Porto Torres: Gavino, il padre, lavora nel settore del commercio dei prodotti ittici, la madre Tina insegna alla scuola dell’infanzia. Insieme al fratello, Tore e alla sorella Stefania erano tutti molto legati e Alessandro, il figlio minore era il più coccolato.