Scoperti sette aghi nel corpo di una bambina, si sospetta magia nera

Una scansione ai raggi X ha rilevato cinque oggetti di metallo nell'addome della piccola Chepchumba e due nella sua schiena, si indaga per capire come siano potuti finire all'interno del corpo

Pubblicato da Redazione NanoPress Giovedì 3 maggio 2018

Scoperti sette aghi nel corpo di una bambina, si sospetta magia nera

I medici del Kapenguria Referral Hospital, nella contea di West Pokot in Kenya, stanno cercando risposte su come sette aghi per macchine da cucire siano potuti finire nel corpo di una bambina di tre anni. Un esame radiologico condotto lo scorso mercoledì ha rivelato che i sette aghi erano depositati nel corpo della piccola Chepchumba. Per la precisione cinque aghi trovati nello stomaco e due sulla schiena. Lo choc dei medici della clinica è stato poi seguito dal sospetto di un caso di magia nera.

Dorcas Chepchumba, questo il nome della povera bimba, è rimasta in custodia ai suoi nonni materni dopo che la madre si è risposata lontano da casa. La donna era scappata quando la bambina aveva iniziato a stare male: “Chepchumba è nata in ospedale senza nessun problema. È stata con sua madre, ma quando la piccola ha cominciato a stare male lei è scappata“. Secondo i nonni la bambina si lamentava mal di stomaco e tossiva senza sosta. La cosa è andata avanti per un anno. Sono stata io a prendermi cura di lei. Ho capito che aveva qualche problema allo stomaco, ma ho pensato che fosse una normale malattia o qualche problema con la digestione“, ha detto la signora Ling’aa, nonna di Chepchumba.

radiografia degli aghi trovati nel corpo di una bambina

I nonni hanno detto che stavano dando alla piccola alcuni antidolorifici per aiutarla a combattere il dolore. La nonna ha quindi aggiunto: “Sono rimasta scioccata nell’apprendere che c’erano degli aghi nel suo corpo dopo la radiografia e mi sono subito chiesta come fossero potuti entrare“.
I medici d’altro canto sospettano che gli aghi siano stati inseriti nel corpo della bambina e hanno escluso la possibile ingestione. Ibrahim Longolomoi, ufficiale sanitario della contea di West Pokot, ha confermato lo strano “incidente” . Il caso è stato riportato alla polizia locale: “Siamo sconcertati da quanto rinvenuto e abbiamo chiesto l’intervento della polizia. Questo è maltrattamento di un bambino innocente“. La povera famiglia ora dice che non ha soldi per il trattamento della bambina che è stata comunque già ricoverata per un intervento di chirurgia.
L’anno scorso, sempre in Kenya, i medici del Thika Level Five Hospital, rimasero estremamente scioccati nello scoprire 14 aghi infilati nei glutei di una bambina di 10 mesi, Jacinta Ndunge. Allora fu arrestata la madre e furono avviate delle indagini.