La madre guarisce dal cancro e il figlio di 5 anni dona i suoi risparmi al medico che l’ha curata

Il piccolo Giovanni ha fatto una raccolta di monetine col preciso obiettivo di portarle al medico che ha guarito sua mamma, perché potesse utilizzarle per la ricerca contro il cancro: 'In tanti anni ho visto storie di tutti i generi, ma questa davvero è unica. Sicuramente la più emozionante', ha confidato il dottore.

da , il

    La madre guarisce dal cancro e il figlio di 5 anni dona i suoi risparmi al medico che l’ha curata

    In una storia difficile che inizia con una diagnosi di cancro al seno il finale può essere inaspettatamente lieto: ce lo insegna il piccolo Giovanni, 5 anni, che quando ha visto sua mamma finalmente guarire dal tumore al seno, ha voluto dare tutti i suoi risparmi al medico che l’ha curata, per aiutare la ricerca. Un gesto nobile, inaspettato da un bambino, e che vale forse più di mille ringraziamenti.

    A raccontare la storia del piccolo Giovanni è il dottor Pietro Caldarella, vicedirettore senior del dipartimento di senologia dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano. ‘La signora è venuta all’Istituto un anno dopo essersi sottoposta all’intervento e aver quindi seguito la chemioterapia. Ora sta bene. Il marito mi ha donato due bottiglie di vino della Sardegna. Giovanni stringeva in mano la busta e me l’ha consegnata: sopra, utilizzando un pennarello azzurro, c’era scritto: da Giovanni. La busta pesava e dunque ho pensato che non c’era soltanto un ringraziamento. Dentro infatti con il bigliettino con la scritta Caro Cadarella, perché il bimbo aveva fatto un piccolo errore, c’erano le monete’, ha raccontato il medico.

    Il bambino, consegnando al dottor Caldarella la busta con i suoi risparmi, ha detto: ‘Questi sono per te, usali per la ricerca contro il cancro’. Il medico ha confermato che il desiderio del piccolo Giovanni sarà rispettato e le sue monetine saranno utilizzate realmente per la ricerca. ‘In tanti anni ho visto storie di tutti i generi, ma questa davvero è unica. Sicuramente la più emozionante’, ha confidato il dottore.