Morto Luigi Necco, storico giornalista di 90° minuto

Il celebre giornalista RAI, avrebbe compiuto 84 anni il prossimo maggio. Nel 1981, fu gambizzato dopo un servizio sull'Avellino dagli uomini di Cutolo.

Pubblicato da Beatrice Elerdini Martedì 13 marzo 2018

Morto Luigi Necco, storico giornalista di 90° minuto
LUigi Necco / ansa

E’ morto Luigi Necco, storico giornalista RAI, volto indimenticabile del programma calcistico 90° minuto. E’ deceduto questa notte, per una grave insufficienza respiratoria, all’ospedale Cardarelli di Napoli, dove era ricoverato da alcuni giorni. Il mondo del giornalismo piange la scomparsa di un grande professionista.

Oltre che di calcio, Necco era appassionato di archeologia, per moltissimi anni è andato alla ricerca del tesoro che l’archeologo Heinrich Schliemann aveva trovato a Troia nel 1873 e che i tedeschi avevano dichiarato ufficialmente distrutto nei bombardamenti a Berlino nel 1945. Per diverso tempo aveva inoltre seguito un programma intitolato ‘L’occhio del Faraone’, mentre negli ultimi anni ha curato una trasmissione sul Canale 9 intitolata ‘L’emigrante sull’emittente’.

Il 29 novembre 1981, il celebre giornalista venne gambizzato in un ristorante di Avellino per mano di tre uomini inviati da Cutolo. Pochi mesi prima Necco negli studi di 90° minuto aveva raccontato dell’incontro tra il presidente dell’Avellino Antonio Sibilia, con lo stesso Cutolo, in occasione di una delle udienze del processo al boss.

Necco nel corso della sua carriera ha anche diretto l’Ente provinciale per il turismo, è stato per cinque anni consigliere comunale a Napoli, per il Pds e si è dedicato ai progetti di legalità per le scuole con la Prefettura di Napoli e l’ordine dei giornalisti della Campania.