Pizza di Cracco, esplode l’ironia sul web ma c’è chi la difende: ‘Non è la classica napoletana ma è buona’

Da giorni impazza sui social i caso della pizza proposta da Carlo Cracco nel nuovo ristorante in Galleria a Milano dopo una foto scattata da FanPage che è diventata virale. Utenti e amanti della pizza classica si sono scatenati contro lo chef stellato, ma in sua difesa è sceso in campo un campione della pizza come Gino Sorbillo: 'È la sua versione della pizza ed è buona'

Pubblicato da Lorena Cacace Lunedì 12 marzo 2018

Pizza di Cracco, esplode l’ironia sul web ma c’è chi la difende: ‘Non è la classica napoletana ma è buona’
La pizza di Carlo Cracco che ha fatto tanto scalpore sul web/Twitter

Carlo Cracco si cimenta nella sua versione della pizza e sul web esplodono polemiche e ironie. Non si è placato il ciclone mediatico che ha investito lo chef stellato dopo l’articolo di FanPage sulla sua versione del piatto napoletano per eccellenza. A distanza di giorni la pizza di Cracco fa ancora discutere e tanto, in rete e sui media, ancora di più dopo la difesa di Gino Sorbillo per la creazione del collega. Uno dei pizzaioli più veraci e autentici, alfiere della pizza napoletana doc (che ha tra l’altro un locale a Milano a due passi dalla Galleria) ha infatti provato la pizza stellata e ne è rimasto convinto: “È la sua interpretazione e a me è piaciuta”, ha fatto sapere il maestro pizzaiolo dalla sua pagina Facebook.

Le polemiche però non si sono placate. Prima di tutto, ai puristi della pizza non è piaciuta la scelta gastronomica di Cracco che ha optato per un impasto con farine di cereali diversi, il che spiega il colore bruno dell’impasto. Per il condimento, la scelta è caduta su una salsa San Marzano definita “densa, simile al sugo rappreso dei ragù”, a cui vengono aggiunti dei pomodorini confit.

Infine la mozzarella che è di bufala ma presentata a crudo e il basilico “non in foglie ma in semi, che si uniscono fino a dare l’impressione di essere more o altri frutti di bosco”, come la descrive l’articolo del sito.

Il secondo aspetto della vicenda “pizza stellata” che ha colpito il pubblico è il prezzo: Cracco infatti serve la sua pizza a 16 euro, contro i 4 euro di media a cui viene venduta a Napoli.

https://www.facebook.com/ginosorbillouno/posts/10215734941875350?pnref=story

Per gli estimatori della pizza tradizionale napoletana è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: come si può vendere a quel prezzo una pizza che pizza non è, specialmente dopo che la pizza napoletana è stata dichiarata patrimonio Unesco?

In difesa dello chef stellato è arrivato un vero artista della pizza classica napoletana, Gino Sorbillo. Lo chef pizzaiolo ha infatti assaggiato la versione di Cracco e gli è piaciuta. “Non è Pizza Napoletana e non viene venduta e presentata come tale, è la sua Pizza e basta”, scrive sulla sua pagina Facebook.

Sorbillo ha confermato la sua opinione anche in altri interventi in radio e sulla stampa, difendendo la “libertà di pizza” e prendendosi anche le ramanzine di molti utenti.

Chi scrive, milanese per nascita e napoletana di origine, non può far altro che dare ragione a Sorbillo e per più motivi. Di pizze napoletane buone e veraci Milano è piena (lo stesso pizzaiolo napoletano ha un suo locale a due passi dal Duomo) come lo è di altre tipologie, a partire dalla pizza al trancio che forse farebbe inorridire i puristi ma che è altrettanto buona.

Infine, trovare una pizza a 4 euro al tavolo a Milano (ma diciamo pure in tutto il Nord) è come trovare l’ago in un pagliaio: purtroppo, solo sotto il Po (e neanche sempre) si può trovare qualità e bontà genuina a meno di 5 euro. Senza contare che la moda delle pizze gourmet è arrivata ovunque e sempre più spesso capitano menu con pizze da 10, 12 o addirittura 15 euro lungo tutto lo Stivale.

Se proprio dobbiamo scagliare la nostra ira nazionale, facciamolo contro gli americani e quello scempio della pizza all’ananas.