Tradisce la moglie, la violenta e la picchia davanti ai figli: ‘Se parli ti uccido’

Un uomo di 61 anni di Angri, in provincia di Salerno, è stato condannato a 5 anni e 4 mesi per maltrattamenti, violenza privata e anche violenza sessuale: la moglie aveva scoperto il tradimento e aveva smesso di fare i lavori domestici, così lui l'aveva picchiata, minacciata e violentata

Pubblicato da Lorena Cacace Mercoledì 17 gennaio 2018

Tradisce la moglie, la violenta e la picchia davanti ai figli: ‘Se parli ti uccido’
Pixabay

La tradiva e, non contento, la violentava e la picchiava davanti ai figli, minacciandola di ucciderla se avesse parlato. Per questo un uomo di 61 anni di Angri, in provincia di Salerno, è stato condannato in primo grado a 5 anni e 4 mesi per maltrattamenti, violenza privata e violenza sessuale. Secondo quanto emerso dal processo, la moglie aveva scoperto il suo tradimento, beccandolo mentre aveva un rapporto sessuale con una dipendente straniera della sua azienda, e aveva deciso di non fare più i lavori domestici, scatenando la violenza del marito che ha iniziato a picchiarla anche davanti ai figli. La donna a quel punto l’ha querelato, ma la violenza non si è fermata: botte e schiaffi davanti ai figli e le minacce di uccidere lei e i bambini se non l’avesse ritirata. In più, per dimostrare di essere “il padrone” di casa, l’uomo l’ha anche violentata, costringendola sotto minaccia ad avere rapporti sessuali con lui.