Serena Grandi a processo per il fallimento del ristorante Miranda

Serena Grandi finirà a processo per il fallimento del ristorante “Locanda di Miranda”, aperto dall'attrice nel 2013 in omaggio al titolo del film con Tinto Brass che la lanciò nel cinema erotico

Pubblicato da Francesco Minardi Mercoledì 13 dicembre 2017

Serena Grandi a processo per il fallimento del ristorante Miranda
Serena Grandi con Franco Interlenghi in una scena del film Miranda / ansa

Serena Grandi finirà a processo per il fallimento del ristorante Miranda. L’attrice bolognese, al secolo Serena Faggioli, è stata rinviata a giudizio e, difesa dall’avvocato Christian Guidi, sarà giudicata dal tribunale collegiale il 12 giugno.
La vicenda è relativa al ristorante “Locanda di Miranda”, aperto dall’attrice nel 2013 in borgo San Giuliano, a Rimini. Serena Grandi, tra i partecipanti del Grande Fratello Vip 2017, lo aveva intitolato Miranda, come omaggio al titolo del film con Tinto Brass che la lanciò nel cinema erotico.

Le cose, però, sono andate male. I dipendenti accusarono l’attrice di non pagare gli stipendi. Si arrivò quindi alla chiusura e al fallimento, dichiarato dal tribunale di Rimini nel 2015.
Serena Grandi è accusata di aver distratto parte dei beni strumentali utilizzati nel ristorante e di aver sottratto libri contabili e documentazione obbligatoria. Ora il processo.