Palermo, vietato pregare a scuola: il preside rimuove la statua della Madonna

Vietato pregare in una scuola elementare di Palermo. Il preside, per sottolineare il messaggio, ha pure rimosso una statua della Madonna e la foto del papa

Pubblicato da Francesco Minardi Venerdì 24 novembre 2017

Palermo, vietato pregare a scuola: il preside rimuove la statua della Madonna

Un crocifisso in una scuola elementare / ansa

Vietato pregare in una scuola elementare di Palermo.
Il preside, per sottolineare il messaggio, ha pure rimosso una statua della Madonna e la foto del papa. Una decisione che solleverà sicuramente un mare di polemiche.
I bambini che non potranno più pregare sono quelli della scuola materna “Ragusa Moleti” di Palermo. Prima della merenda di metà mattinata usavano fare una preghiera e cantare brani cristiani.

Non sarà più possibile, a causa della decisione drastica del preside Nicolò La Rocca.

Il dirigente scolastico, che ha rimosso anche una statuetta della Madonna, crocifissi e foto del papa, ha emesso una circolare che ha fatto già storcere il naso a molti genitori: «Ci sarebbe nella nostra scuola l’usanza, da parte di alcuni docenti, di far pregare i bambini prima dell’inizio delle lezioni e/o di far intonare canzoncine benedicenti prima della consumazione della merenda».

Quindi la conclusione, in cui viene citato il parere dell’Avvocatura dello Stato dell’8 gennaio del 2009, che esclude «la celebrazione di atti di culto, riti o celebrazioni religiose durante l’orario scolastico o durante l’ora di religione cattolica».

Insomma, da domani vietato pregare.