Truffe agli anziani, esempi di trucchi dei ladri per imbrogliarli

Aumentano i casi di anziani truffati in casa, come difendersi? Ecco per i lettori di NanoPress un vedemecum sulle truffe agli anziani più diffuse, con esempi di trucchi più usati per raggirare persone indifese un po' avanti con l'età. Proteggiamo i nostri cari dalle truffe! Leggiamo e diffondiamo il vademecum per non cascare nelle truffe più comuni ai danni degli anziani

Pubblicato da Kati Irrente Martedì 21 marzo 2017

Truffe agli anziani, esempi di trucchi dei ladri per imbrogliarli

truffe anziani 150x150

Le truffe agli anziani non passano mai di moda. La cronaca ci riporta puntualmente esempi di raggiri agli anziani, truffati in casa il più delle volte, mentre in altri casi abbiamo evidenziato che c’è gente senza scrupoli che attua anche truffe telefoniche agli anziani, che restano le vittime privilegiate dei malintenzionati. Lo sa bene la Polizia, che, trovandosi ad avere a che fare giorno per giorno con casi di questo genere, è riuscita a smascherare nel corso degli anni tanti falsi preti, falsi poliziotti, falsi infermieri, falsi tecnici che si introducono nelle case delle persone o li fermano per strada per mettere in atto l’ennesima truffa agli anziani. Conoscere le storie di anziani truffati in casa può aiutare a capire come difendersi. Ecco allora di seguito una sorta di ‘vademecum’ delle truffe agli anziani, da leggere e condividere. Perché proteggere i nostri cari è importante.

Truffe agli anziani come difendersi

Gli anziani sono le vittime preferite delle truffe di gente senza scrupoli che fa del raggiro la sua attività principale. Come fare a difendersi dalle truffe? Conoscere i metodi dei ladri è un buon inizio per non cascarci, ma è opportuno anche denunciare i casi di truffe agli anziani, se se ne viene a conoscenza, perché così il lavoro della polizia può essere più efficace. Certo i truffatori sono diventati sempre più abili ad escogitare i sistemi più improbabili per truffare il prossimo, specie se in età avanzata. Spesso trovano il modo di insinuarsi nelle situazioni tipiche vissute quotidianamente dagli anziani, e dopo aver studiato per un po’ le loro vittime entrano in azione per raggirarli. Vediamo le più comuni truffe agli anziani messe in atto negli ultimi anni.

Truffa del ciuccio: la ladra si finge babysitter

Di esempi di truffe agli anziani possiamo farne decine, ci sono delle nuove truffe agli anziani che sono davvero fantasiose, come il caso della donna che si finge babysitter e con la scusa di ‘recuperare’ un ciuccio caduto sul balcone entra in casa di anziani per attuare un furto. Per rendere verosimile ‘l’incidente’, la truffa viene attuata sempre in abitazioni sottostanti case in cui davvero c’è la presenza di un bimbo piccolo. La finta babysitter truffatrice chiede all’anziano malcapitato di recuperare il ciuccio caduto sul balcone, nel frattempo approfitta della sua distrazione per agire indisturbata e rubare tutto ciò che può, denaro in contanti, gioielli e oggetti preziosi.

Truffa dell’incidente al figlio

Questa nuova truffa è recentemente stata messa a segno nel Quartiere Fuorigrotta, a Napoli. I truffatori hanno suonato al citofono di un’anziana signora sostenendo che il figlio era stato vittima di un incidente nel quale aveva distrutto la macchina, anche se fortunatamente non era in pericolo di vita. Però servivano subito 500 euro da consegnare al proprietario dell’altra auto coinvolta nell’incidente. La donna ha sospettato qualcosa, ha provato subito a telefonare al figlio, il quale in quel momento non poteva rispondere. Così la preoccupazione l’ha fatta cadere nella rete del truffatore e ha consegnato il denaro all’uomo che aveva citofonato.

Truffa del falso abbonamento alla rivista

Alcuni anziani sono stati raggirati dai truffatori che si sono finti ”funzionari dell’ufficio esecuzioni” del Tribunale cittadino e hanno intimato agli anziani il pagamento immediato relativo a un’insolvenza di 4 mila euro per ”mancati pagamenti a riviste di polizia”, facendo leva sul fatto che in passato erano stati davvero sottoscritti abbonamenti a riviste. I truffatori prontamente fornivano l’iban di un conto per far effettuare i versamenti. La frode era evidente anche perché il conto aveva un iban bulgaro.

Truffa della falsa visita medica a domicilio

Altro esempio di truffa ai danni di anziani è il seguente: i truffatori, di solito almeno due, si presentano a casa della vittima dicendo di essere dei medici, o infermieri, giunti in casa dell’anziana o dell’anziano per svolgere delle normali visite mediche a domicilio. In genere, mentre uno dei truffatori è impegnato con la persona anziana, un complice rovista nella casa alla ricerca di gioielli e denaro.

Truffa del finto nipote

Ecco un altro esempio di truffa agli anziani: una donna è stata truffata da un uomo che si è finto il nipote. Dopo essere stata contattata telefonicamente, il falso parente ha chiesto all’anziana di consegnare ad una amica ‘di bassa statura’, 5mila euro in contanti per ‘dargli una mano’ per un incidente stradale appena subito. Queste situazioni accadono perché molti anziani sono ingenui e purtroppo, spesso, non hanno nessuno come punto di riferimento.

Truffa del falso impiegato postale

Un uomo si presenta a casa di una persona anziana qualificandosi falsamente come impiegato postale e, con il pretesto di informarlo circa falsi aumenti di pensione, si fa consegnare il libretto postale nonché la carta magnetica della posta abbinata al libretto, sottraendola e sostituendola con altra simile. Il truffatore, così, grazie anche al codice contenuto all’interno del libretto, riesce a riscuotere il denaro del truffato.

Truffa della raccolta di offerte porta a porta

Si sono presentati a casa di alcuni anziani dicendosi operatori di Inrete impegnati in una raccolta di offerte porta a porta per i ragazzi con disabilità. Ma in realtà erano truffatori alla ricerca di persone da raggirare, facendosi consegnare denaro contante. Anche il presidente di Inrete, nonché sindaco di Nomaglio, Ellade Peller, aveva sentito la necessità di diramare un avviso: ‘Noi non facciamo raccolte di questo tipo, fate attenzione: chi vi chiede soldi a nome di Inrete è un truffatore‘.

Truffa dell’acqua contaminata dal mercurio

Gli specialisti delle truffe agli anziani si sono spacciati anche per dipendenti Smat. Di solito raccontano la storia dell’acqua contaminata dal mercurio e del rischio che l’oro custodito in casa possa rimanere contaminato. Niente di più falso: dietro quegli ispettori Smat, muniti di tesserino contraffatto, in realtà c’era una coppia di finti tecnici che millantano guasti all’acquedotto e presunte riparazioni urgenti da fare a domicilio nell’interesse dell’utente.

Truffa degli addetti dell’Eni

Finti addetti dell’Eni bussano alla porta di casa degli anziani: ‘Siamo qui perché è stata segnalata una perdita di gas e dobbiamo sostituire una tubazione per evitare un incidente’, è una delle frasi che vengono dette ai malcapitati. Quella dei falsi addetti dell’Eni, dell’Enel o di altre società è una delle tecniche preferite dai truffatori che si presentano con falsi tesserini, con gli strumenti e con il tipico abbigliamento utilizzato dai veri tecnici.

Truffa dei gioielli nel frigo

Nel trucco del frigo, come è successo ad un anziano di 73 anni di Moncalieri, in provincia di Torino, i truffatori si presentano come poliziotti, carabinieri, finanzieri, impiegati dell’azienda elettrica, di quella del gas o delle poste. Mostrano dei tesserini fasulli e riescono così a farsi aprire. Dicono che il loro compito è quello di effettuare un sopralluogo all’impianto e che per la sicurezza è opportuno mettere tutto l’oro e il denaro in una scatola all’interno del frigo. Dopo aver fatto allontanare la vittima prendono il contenitore.

Truffa della borsa

Un’anziana signora si può trovare in preghiera davanti alla tomba del marito e tutto ciò diventa l’occasione giusta per rubarle la borsa. Ma c’è di più. Il malvivente, appurato l’indirizzo della donna, la chiama, spiegandole che ha ritrovato la borsa. La donna, rincuorata, accetta di incontrarlo e lui ne approfitta, per introdursi nell’appartamento e mettere in atto un vero e proprio furto in casa.

Truffa del prete

Alcuni malviventi si informano su chi sia il parroco della zona. A nome suo si presentano in casa delle persone anziane, sostenendo di consegnare un apparecchio, il quale, in caso di furto, possa allertare la Polizia. I truffatori dicono che questo strumento deve essere applicato al portafoglio e se lo fanno consegnare per una prova. In questo modo riescono a mettere le mani sul denaro del malcapitato.

Truffa delle suore

Alcune donne vestite da suore entrano nelle case delle persone anziane per truffarle. Si avvalgono della complicità di un uomo vestito da prete. Affermano che vogliono benedire le abitazioni e poi ne approfittano per rubare qua e là.

Truffa dei falsi pompieri

Falsi pompieri, con tanto di divisa, fanno irruzione nella casa di un anziano, sostenendo che nella casa di fronte ci sia un incendio. Si chiede all’inquilino di andare al balcone, per controllare la situazione. Nel frattempo i ladri possono commettere il furto.

Truffa dei falsi tecnici

Altra truffa agli anziani molto diffusa è il controllo delle possibili fughe di gas: fanno credere che questa procedura è diventata obbligatoria per tutti, entrano in casa degli anziani, fanno finta di ispezionare l’impianto ma in realtà approfittano per rubare.