Omicidio del piccolo Leonardo Russo: la mamma e il compagno condannati all’ergastolo

La Corte d’Assise di Torino ha confermato la condanna all’ergastolo per Gaia Russo – mamma del piccolo Leonardo Russo – e l’ex compagno della donna, Nicolas Musi.

Nicolas Musi - Gaia Russo e il piccolo Leonardo Russo
Nicolas Musi – Gaia Russo e il piccolo Leonardo Russo – Nanopress.it

Secondo quanto accertato durante le indagini, il bambino sarebbe morto a seguito di violenti percosse, inflittegli dal compagno della madre, che non avrebbe fatto nulla per difendere il figlio.

L’omicidio del piccolo Leonardo Russo

Era il 23 maggio del 2019 quando il piccolo Leonardo Russo20 mesi appena – venne portato d’urgenza all’ospedale di Novara. Il piccolo morì nel giro di qualche ora, per una violenta emorragia al fegato, che non gli lasciò scampo.

Ad accompagnarlo in ospedale quella mattina furono la madre, Gaia Russo, 22 anni all’epoca dei fatti, e l’allora compagno di lei, Nicolas Musi, suo coetaneo. I due riferirono ai sanitari di una caduta dal lettino, ma il corpo del bambino e i segni evidenti delle violenze subite non convinsero i medici piemontesi, che allertarono quindi le forze dell’ordine.

A quel punto partirono le indagini, che accertarono tutte le violenze e i maltrattamenti subiti dal bambino, anche prima di quel drammatico giorno, in cui fu portato in fin di vita nel nosocomio piemontese.

L’autopsia sul corpo del piccolo Leonardo Russo accertò che il bambino morì a seguito di un’emorragia al fegato, causatagli da un violentissimo calcio all’addome. A infliggergli quel corpo mortale fu il compagno della madre, che non fece nulla per difendere suo figlio.

Inizialmente, infatti, la donna avallò la versione fornita da Musi, raccontando che il bambino era caduto dal lettino.

Gaia Russo e il piccolo Leonardo - Nanopress.it
Gaia Russo e il piccolo Leonardo – Nanopress.it

Pian piano, quando le indagini fecero emergere tutto l’orrore subito dal piccolo Leonardo, i due hanno iniziato ad accusarsi a vicenda, raccontando di non essere stati presenti quando il bambino veniva violentemente picchiato. Gli inquirenti hanno invece accertato il contrario.

La Corte d’Assise conferma la condanna all’ergastolo

Nel pomeriggio di ieri – 28 ottobre – è arrivata la sentenza della Corte d’Assise di Torino. I due imputati – Gaia Russo e Nicolas Musi – sono stati condannati all’ergastolo per l’omicidio del piccolo Leonardo.

Ai due non resta ora che il ricorso in Cassazione, che potrebbe nuovamente confermare la sentenza di condanna a vita. A far emergere le violenze inflitte al bambino anche alcune foto scattate con il cellulare e conservate nei dispositivi elettronici di Russo e Musi.

In un’immagine finita in mano agli inquirenti, sono evidenti i segni delle botte inflitte al bambino anche prima del 23 maggio: nella foto si vede il piccolo Leonardo con lividi sul corpo e un occhio nero, mentre è intento a giocare con una macchinina.