Bonus bollette 2022, cambiano le regole: dall’Isee alla retrattività, tutte le novità

Il bonus sociale bollette a favore delle famiglie svantaggiate è stato confermato e quindi esteso dal decreto Aiuti, emanato dal governo Draghi. 

Bonus bollette
Bonus bollette – Nanopress.it

Vediamo come è stato modificato.

Un valido aiuto per chi ne ha bisogno

Il bonus sociale è una delle misure pensate per chi ha difficoltà economiche e quindi affronta problemi per pagare le bollette che, ultimamente stanno subendo aumenti sempre più forti.

Sostanzialmente è uno sconto sull’ammontare della spesa sostenuta per le bollette, sostenendo quindi chi è in difficoltà economiche ma anche chi presenta disagi fisici, come ad esempio una grave patologia che costringe ad utilizzate apparecchi elettromedicali.

Il decreto Aiuti ha confermato questo bonus, potenziato già a partire dallo scorso anno.

In particolare, le modifiche prevedono di coprire un periodo più esteso quindi non più solo quello dal primo aprile al 31 dicembre 2022, ma anche, in modo retroattivo, quello dall’inizio del 2022 fino al primo aprile.

Entro il 30 giugno, l’Arera (autorità di regolazione per l’energia, le reti e l’ambiente) ristabilirà i termini per le agevolazioni a favore dei bisognosi.

Bisogna prima attendere che il decreto Aiuti venga pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, in ogni caso, si tratta di un sostegno concreto che, soprattutto con le novità introdotte, è molto utile a tutti coloro che si trovano in difficoltà a pagare le bollette.

In particolare, il bonus sociale vale per le bollette elettriche, dell’acqua e del gas, vediamo come richiederlo.

Come richiedere il bonus sostegni

Tale bonus è riconosciuto in automatico ai cittadini e ai nuclei familiari che ne hanno diritto e per richiederlo è sufficiente presentare la Dichiarazione sostitutiva unica ogni anno, ottenendo quindi l’Isee, il quale non deve superare i 12mila euro, mentre se si hanno almeno 4 figli a carico non deve essere superiore ai 20mila euro.

In alternativa, bisogna essere titolari del reddito o pensione di cittadinanza.

L’Arera determinerà nel dettaglio quali agevolazioni comprenderà il bonus sociale, nel limite ovviamente delle risorse disponibili per l’anno in corso.

I destinatari delle nuove misure di questo decreto sono circa 1,2 milioni di famiglie e il bonus avrà valore annuale, indipendentemente dalla presentazione dell’Isee.

La modifica riguarda l’estensione del bonus al terzo trimestre del 2022 e, requisito fondamentale è che le bollette siano intestate a uno dei componenti familiari appartenenti allo stesso nucleo e con medesimo Isee.

Una novità importante riguarda anche la retrattività, ossia per coloro che non sono riusciti a presentare l’Isee durante i primi 3 mesi dell’anno, i pagamenti troppo alti verranno compensati in maniera automatica in seguito alla presentazione dei documenti necessari.

L’importo del bonus sociale varia anche in base alla classificazione energetica dell’immobile per cui viene fatta richiesta.

Infine, anche la fornitura delle utenze soggette al bonus deve soddisfare alcuni requisiti, ad esempio il contratto deve essere già in essere e quindi attivo, ovviamente per uso domestico.

Esteso il bonus sociale
Esteso il bonus sociale – Nanopress.it

Entità del contributo

Sul sito ufficiale dell’Arera possiamo trovare l’esatto importo del bonus.

Per quanto riguarda la bolletta della luce, esso dipende dal numero dei componenti della famiglia: fra 1 e 2 la somma è 165,60 euro, fra 3 e 4 è di 200,70 euro, oltre i 4 il bonus erogabile è di 235,80 euro.

Se si tratta del gas, oltre al numero di persone viene presa in considerazione anche la zona di residenza.