Bitcoin sull’orlo del precipizio. La notizia allarma i mercati mondiali

Secondo alcuni analisti del mercato delle criptovalute, il bitcoin sta barcollando sul precipizio di un abisso, con il suo prezzo che ha raggiunto il livello più basso da luglio 2021. 

Crollo del Bitcoin
Crollo del Bitcoin – NanoPress.it

Il valore del Bitcoin è sceso del 50 per cento in sei mesi

Il Bitcoin, la criptovaluta virtuale più famosa del mondo, ha perso oltre il 50% del suo valore negli ultimi sei mesi, a causa di una flessione a livello di mercato. che ha cancellato più di 1,5 trilioni di dollari dal mercato globale totale delle criptovalute.   

In bilico appena sopra i 30.000 dollari mercoledì mattina, alcuni temono che rischi di crollare in maniera ormai sistematica, se scende al di sotto di questo livello chiave di supporto. Dal primo aumento al di sopra di questo prezzo all’inizio del 2021, BTC non è mai sceso al di sotto di esso, per un periodo di tempo significativo, il che significa che ci stiamo dirigendo in un territorio pericoloso e inesplorato, se il sell-off continua.

Finora il bitcoin è riuscito a mantenersi appena al di sopra del livello di allerta, con qualche speranza che possa mettere in scena una ripresa simile alla scorsa estate, che lo ha portato a nuovi massimi record, prima della fine dell’anno.

I prezzi delle criptovalute sono stati martellati durante lo scorso fine settimana, in seguito al grande sell-off delle azioni statunitensi. Il prezzo di Bitcoin è sceso di circa il 4% tra venerdì sera e domenica, al di sotto dei 33.000$, circa la metà del suo massimo di novembre. Il valore di Bitcoin è ora in calo del 18% rispetto all’ultimo mese.

Il Bitcoin sempre più correlato al mercato azionario?

La criptovaluta aveva raggiunto il picco a un prezzo di 69.000 dollari lo scorso novembre. Il prezzo di Ether, che è la seconda criptovaluta per capitalizzazione di mercato, è sceso al di sotto di 2.400 dollari, ovvero in calo di oltre il 5% rispetto a venerdì.

Un mucchio di bitcoin d'oro
Un mucchio di bitcoin d’oro – NanoPress.it

Quello passato comunque è stato un fine settimana attivo di trading nel mercato delle criptovalute, con 112 miliardi di dollari di volume di mercato, secondo i dati di CoinMarketCap.

Il mercato delle criptovalute è diventato sempre più correlato al mercato azionario, poiché grandi investitori istituzionali come gli hedge fund sono entrati nel mercato. Con il Nasdaq in calo del 21% quest’anno, il prezzo di Bitcoin è sceso del 22%.

Sebbene il Bitcoin, in particolare, fosse considerato un asset non correlato rispetto al mercato azionario, gli ultimi sei mesi hanno dimostrato che gli investitori al dettaglio e istituzionali, lo trattano come qualsiasi altro asset di rischio, che non sia immune da interessi aumenti dei tassi e inflazione”, ha affermato Caleb Silver, caporedattore di Investopedia.

“E, in assenza di politche fondamentali a sostegno del suo prezzo, può diventare ancora più volatile di azioni e materie prime, quando i mercati, cominciano ad oscillare in seguito anche a fatti legati all’attualità”.