Inquinamento dell’acqua, dai mari ai fiumi: quali sono i rimedi?

Lo sappiamo tutti, l'inquinamento dell'acqua di mari e fiumi è un problema che si aggrava sempre più. Risolverlo, trovando rimedi per ridurre l'inquinamento dell'acqua, non è un optional, ma un obbligo per rendere le attività umane compatibili con la sostenibilità ambientale. Si può fare, iniziando da piccole azioni che possono portare a grandi cambiamenti.

da , il

    Inquinamento dell’acqua, dai mari ai fiumi: quali sono i rimedi?

    Buoni propositi e interventi per l’inquinamento dell’acqua non sempre si incontrano. Il livello di inquinamento dell’acqua in Italia, che riguarda sia i fiumi che il mare, appare infatti inquietante. Il problema non è solo nostro, ma globale. Eppure quel poco che viene realizzato per risolverlo risulta insufficiente. La contaminazione delle acque da parte di microbi e agenti chimici persiste. Di più: in realtà, dati alla mano, l’inquinamento fluviale e marino, in moltissimi siti, continua a peggiorare a gran velocità. Vediamo perché e se esistono rimedi risolutivi per la bonifica delle acque.

    Inquinamento dell’acqua in Italia

    Nel nostro paese abbiamo una mappa dell’inquinamento idrico costellata di bandiere rosse. Le ragioni sono diverse. Da una parte esiste una rete fognaria spesso priva di impianti di depurazione efficaci. Così, a contribuire all’inquinamento dell’acqua in Italia troviamo:

    • sostanze organiche, che richiedono elevati livelli di ossigeno per decomporsi, privandone così le acque;
    • residui di farmaci, come gli ormoni delle pillole anticoncezionali eliminati con le urine, in grado di interferire con il ciclo riproduttivo dei pesci
    • residui impropri, ossia che dovrebbero essere eliminati in altro modo, come oli per motori, vernici, etc
    • carta e residui di detersivi, alcuni dei quali – candeggina, ammoniaca – classificati come veleni ambientali letali.

    Ancora più grave l’inquinamento da scarichi industriali e attività agricole. Data la necessità di acqua per quasi tutti i processi produttivi, e il massiccio impiego di fertilizzanti e pesticidi che tramite gli scarichi e il dilavamento del terreno giungono poi a mari e fiumi, il risultato è un inquinamento dell’acqua in Italia da:

    • metalli pesanti,
    • scorie radioattive – provenienti da laboratori scientifici e medici, ospedali, alcune industrie -,
    • fertilizzanti e fitofarmaci, i primi in grado di provocare persino eutrofizzazione della flora marina e i secondi cancerogeni;
    • residui non trattati di natura eterogenea: sostanze oleose, acidi, diossine – anche emesse dalle ciminiere -, cianuri, ammoniaca e via dicendo.

    Infine, petrolio e idrocarburi, derivati ad esempio da incidenti e lavaggio delle cisterne petrolifere. Hanno una riconosciuta attività cancerogena e in più i secondi sono miscelati con piombo, uno dei metalli pesanti più tossici.

    Inquinamento dei fiumi

    Quello dell’inquinamento dei fiumi è un problema tanto italiano come internazionale. Il nostro Sarno, in Campania, è uno dei fiumi più inquinati al mondo, altri, quali il Lambro, non sono in una situazione molto migliore. L’inquinamento dell’acqua di questi fiumi deriva da scarichi civili e industriali non depurati e dal costume nazionale di gettare in acqua rifiuti di ogni genere. Nel resto del mondo fiumi come il Gange, il Citarum in Indonesia, il più contaminato in assoluto, il Nilo, il Danubio, lo statunitense Elk River e molti altri si trovano in situazioni analoghe. L’inquinamento dell’acqua e la conseguente distruzione degli ecosistemi fluviali ha già provocato l’estinzione di varie specie di pesci. Nell’elenco è incluso anche un mammifero acquatico: il lipote, un delfino d’acqua dolce che popolava il Fiume (ex) Azzurro in Cina.

    Eppure non tutto è perduto. Esiste un fulgido esempio di bonifica dell’acqua fluviale: il Tamigi. Un tempo inquinatissimo, oggi presenta acque cristalline e una stupefacente biodiversità. Da emulare quanto prima.

    Inquinamento del mare

    Per fornire un’idea sul livello di inquinamento del mare di tutto il globo, basti far notare che sono stati trovati rifiuti anche nella fossa delle Marianne. Il Mediterraneo, essendo un mare chiuso, ha particolare difficoltà a smaltire tutti i rifiuti e i veleni ambientali che ci finiscono dentro. La plastica galleggia a vista arrivando anche a depositarsi sui lidi, le chiazze di petrolio sono ordinaria amministrazione, eppure il peggio non è ciò che si vede ma quello che sta sotto: le microparticelle di plastica decomposta, i metalli pesanti, le diossine, le scorie nucleari, i composti chimici… Tutti quanti destinati a entrare nella catena alimentare arrivando quindi ai responsabili dell’inquinamento delle acque marine, cioè noi.

    Come ridurre l’inquinamento dell’acqua

    Essendo la contaminazione idrica originata da più fattori, per ridurre l’inquinamento dell’acqua occorre agire su più fronti. La bonifica ambientale vede coinvolti sia i cittadini che l’economia e le istituzioni. I cardini sui quali deve ruotare la soluzione del problema sono:

    • modifica delle abitudini domestiche relative alla produzione e smaltimento dei rifiuti;
    • cambi drastici dei cicli produttivi, con passaggio all’economia circolare, e rispetto delle norme vigenti antinquinamento;
    • maggiori investimenti e sforzi per il monitoraggio e la protezione dell’ambiente, associati a campagne di sensibilizzazione collettiva al tema dell’inquinamento dell’acqua, del suolo e dell’aria, che sono interagenti fra loro.

    I rimedi possibili per l’inquinamento dell’acqua

    In pratica, quali sono le azioni concrete da compiere per ridurre l’inquinamento idrico?

    In casa, e annessi giardino e garage, la sostenibilità ambientale inizia dal ridurre gli sprechi, come quello che si verifica lasciando aperto il rubinetto mentre ci insaponiamo e laviamo i denti. Bisogna poi abituarsi a gettare negli scarichi solo i rifiuti organici – feci, orina – e carta igienica. Fondamentale anche passare all’utilizzo di detergenti ecologici per l’igiene personale e la casa. In garage, evitare di gettare nello scarico i residui di lavoretti fai da te, come l’olio per motori. In giardino, infine, ridurre il più possibile l’uso di fertilizzanti e pesticidi di sintesi. Come? Scegliendo piante resistenti ai parassiti e utilizzando il compost ricavato dagli avanzi di cucina per concimare. Se possibile, raccogliere l’acqua piovana per successive irrigazioni.

    A livello industriale e artigianale, i rimedi per l’inquinamento dell’acqua si combattono su due versanti. Da una parte, occorre trattare correttamente gli scarichi prima della loro immissione nelle acque fluviali o marine. Dall’altra, è indispensabile il passaggio a cicli produttivi circolari, con il reimpiego dei materiali impiegati e l’implementazione di catene produttive esenti dall’uso di veleni ambientali.

    A livello istituzionale, infine, i governi non possono esimersi da combattere l’inquinamento dell’acqua, viste le sue immense ricadute presenti e future sulla razza umana. La soluzione inizia da un fattivo monitoraggio della situazione. Il compito è arduo, complici anche le ovvie resistenze di chi inquina, ma la buona notizia è che in questo senso l’eradicazione del problema può creare nuovi posti di lavoro. Ancora più importante attuare controlli e sanzioni amministrative/penali per chi non è in regola, e incrementare la raccolta differenziata. Ultimo ma non minore fronte, quello dell’educazione ambientale. In Italia ce ne è un gran bisogno. Si tratta di sensibilizzare i cittadini, adulti e in età scolare, a ridurre l’inquinamento dell’acqua tramite il riciclo, le buone abitudini domestiche e l’attenzione ai reati ambientali. Questi ultimi oggi sono perseguibili, il privato cittadino che ne identifica uno può presentare denuncia.