Grecia, sì al referendum, ma l'Eurogruppo non proroga gli aiuti

Tsipras non accetta la condizioni dell'Eurogruppo, ma ha deciso che a scegliere saranno i cittadini. Il Parlamento in Grecia ha approvato la convocazione di un referendum popolare per il 5 luglio. I greci saranno quindi chiamati a scegliere se accettare o rifiutare le condizioni poste dai creditori internazionali per l'accordo sul debito.Tsipras ha chiesto ai suoi concittadini di pronunciarsi per il no, ma al tempo stesso ha promesso che lascia la porta aperta a un accordo. In aula il sì al referendum ha avuto l'appoggio non solo dei due partiti di governo, cioè Syriza di sinistra e Greci indipendenti di destra, ma anche del partito di estrema destra Alba dorata. L'accordo proposto dalle istituzioni, secondo Tsipras, è un'offerta "barbara e umiliante". Inoltre l'Eurogruppo riunito a Bruxelles ha deciso di non concedere alla Grecia la proroga del piano di salvataggio oltre il 30 giugno, che era stata chiesta da Tsipras per consentire ai cittadini di votare senza pressioni. In pratica il programma di salvataggio della Grecia e di conseguenza gli aiuti, senza l'accordo, si interromperanno il 30 giugno.

FacebookTwitter
Grecia, sì al referendum, ma l'Eurogruppo non proroga gli aiuti
Ultimi Video
NANOPRESS MOBILE

Scarica gratis l'applicazione NanoPress dall'App Store

IPHONE IPAD