Caricabatterie a mano HandEnergy per fare il pieno ecologico allo smartphone

Caricabatterie a mano HandEnergy per fare il pieno ecologico allo smartphone

Basta una rotazione del polso per alcuni minuti per ridonare succo vitale a cellulari o tablet

da in Curiosità Tech, Ecologia, Energie Rinnovabili, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    Caricabatterie a mano HandEnergy per fare il pieno ecologico allo smartphone

    Un gadget ecologico e innovativo? HandEnergy ossia uno strumento per andare a caricare la batteria dello smartphone con il semplice movimento della mano. Dalla forma simile a una mela e con un rotore magnetico al proprio interno, include un accumulatore con una capacità di 1000mAh per poter arrivare anche al 40% di livello in buona parte dei cellulari attuali. Come funziona? Produce elettricità con un nemmeno così vigoroso movimento rotatorio del polso senza dover passare da sorgenti come Sole, vento o acqua. Quando serve, basta impegnarsi nel movimento confermando che il futuro di questi accessori a “energia umana” potrebbe davvero diventare più presente e importante.

    In questi anni abbiamo visto diversi carica-batterie a energia umana come quello che utilizza il movimento del piede (vedi sotto) così come SOSCharger che usa un “crank” da azionare con la mano fino a dinamo. HandEnergy porta tutto a un livello più pratico e meno “invasivo” andando a generare fino a 5V/1A di output massimo. A ogni rotazione, l’anello manda un impulso al rotore, poi bastano altre piccole rotazioni del polso per mantenere il movimento. Dal meccanico all’elettrico, l’energia viene accumulata nella batteria interna e poi trasferita via USB allo smartphone. Attualmente, HandEnergy è in ricerca di fondi su Kickstarter e ci sono ipotesi più che reali che raggiungerà l’obiettivo. Il finanziamento per poi riceverlo a casa è di 79 euro.

    Pedipower, caricatore smartphone a portata di piede

    Il caricabatterie più ecologico e performante è già incluso nel nostro corpo ed è nientemeno che il nostro piede: Pedipower è l’ultima trovata che cerca di andare a recuperare un po’ dell’energia cinetica per poterla trasformare in succo pronto da trasferire sulla batteria dei nostri dispositivi tascabili.

    L’idea arriva da una ricerca condotta da una serie di studenti della Rice University di Houston (il gruppo si chiama Agitation Squad) e i quattro ragazzi Carlos Armada, Julian Castro, David Morilla e Tyler Wiest sono riusciti anche a creare un prototipo funzionante del nuovo device che può fungere effettivamente da generatore elettrico portatile o meglio dire indossabile. Come funziona? A ogni passo, una leva si muove azionata dal fulcro sul centro della suola; la spinta del corpo consente di fornire una media di 400 milliwatt di carica trasferita a una batteria alla cintura e poi al dispositivo. Il video qui sopra ne spiega il funzionamento. La bontà dell’idea ha spinto anche una società come la Cameron a finanziare il progetto, anche se può far storcere il naso l’impegno di questo partner nell’industria petrolifera e del gas. Intanto è anche in fase di studio lo speciale caricabatterie lampo che porta il cellulare al 100% in 30 secondi, eccolo.

    536

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Curiosità TechEcologiaEnergie RinnovabiliTecnologia

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI