App Microsoft per iOS che fa riconoscere i colori ai daltonici

App Microsoft per iOS che fa riconoscere i colori ai daltonici

Una tecnologia davvero interessante, che sarà messa a disposizione degli utenti con sistema operativo di Apple

da in Curiosità Tech, Microsoft, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    App Microsoft per iOS che fa riconoscere i colori ai daltonici

    Come permettere a una persona daltonica di riconoscere i colori che altrimenti ignorerebbe? Microsoft ha messo a punto una speciale applicazione che è scaricabile gratuitamente su dispositivi con iOS ossia iPhone e iPad. Il software in questione si chiama Color Binoculars e trasforma smartphone o tablet in una sorta di finestra che “traduce” le sfumature nella misura percepibile a chi soffre di questa patologia. Come funziona questa tecnologia? Color Binoculars cambia l’apparenza dei colori così da renderli più semplicemente percepibili dai daltonici senza dover ricorrere a speciali lenti o occhiali che seguono questo pattern in modo “empirico”. Ad esempio il rosso sarà molto più luminoso, il verde invece sarà più scuro così da rendere più netta la differenza tra i due. Non è ancora chiaro quando sarà – sempre che sarà – reso disponibile anche per dispositivi con sistema operativo Android.

    Un’altra interessante innovazione in via di studio a Microsoft Research ossia nel laboratorio di ricerca e sviluppo della società americana. Il nome di questa tecnologia è Video Breakdown e l’obiettivo che si pone è quello di consentire la ricerca all’interno di un filmato. Come funziona? Mette in uso tutti i servizi e gli algoritmi proprietari per poter analizzare correttamente la traccia audio, le immagini degli oggetti, i volti delle persone, le scritte e le azioni in corso per poterli identificare e utilizzare. Con i motori di ricerca, si completano le operazioni di searching. C’è anche la possibilità di creare un video con tutti i risultati.

    Microsoft ricerca video

    Microsoft Magic Mirror è un altro esempio lampante su come la tecnologia applicata alla domotica potrebbe garantire una serie di funzionalità davvero utili e sfiziose, nei prossimi anni. A cosa serve? Trasforma lo specchio del bagno in un vero e proprio pannello di informazioni in tempo reale e, volendo, in realtà aumentata andando non solo a visualizzare data e ora, ma anche una serie di dati come le previsioni meteo, notifiche dai social network, email e quant’altro. D’altra parte chi non fa un riepilogo mattutino in bagno? Gli orizzonti sono molto ampi e i componenti sono già tutti presenti: basta utilizzare un Raspberry Pi 3 come cervello, proiettori a basso consumo e applicazioni, volendo, fatte in casa.

    microsoft magic mirror

    Ma non è l’unica tecnologia futuristica che il gigante di Redmond sta preparando per il futuro prossimo. Prendete ad esempio due che appaiono spesso nei film e libri di fantascienza come gli ologrammi e il teletrasporto, miscelateli insieme con un tocco di realtà virtuale e un pizzico di Microsoft e otterrete l’ultimo, straordinario, esperimento della società di stanza a Redmond. Soprannominato Holoportation, come appunto commistione tra hologram e teletrasportation, questa idea si basa sui visori AR di casa ossia HoloLens e sulla capacità di catturare immagini 3D grazie al tracking di oggetti o persone in movimento. Il risultato è la possibilità di una telepresenza simultanea di due persone in una stessa stanza a parlarsi occhi negli occhi anche se si trovano fisicamente ai due poli della Terra.

    holoport

    Le due persone si incontrano, si “stringono” la mano e si siedono faccia a faccia in una stanza.

    Possono guardarsi negli occhi, possono anche indicare – volendo – qualcosa sullo schermo di un TV o di un grande monitor. Peccato che né uno né l’altro possano davvero toccarsi e che non siano nella stessa stanza. Il progetto di Microsoft chiamato “holoportation” consente infatti di poter interagire con una rappresentazione tridimensionale iper-realistica di un’altra persona anche in luoghi separati. Gli ingredienti sono semplici (nella loro complessità) ossia i visori di realtà virtuale HoloLens e una tecnologia 3D simile al Kinect, ma molto più potente.

    holoport funzionamento

    La videocamera tridimensionale osserva e cattura la persona che deve essere “teletrasportata” e ne riproduce un alias con le stesse dimensioni apparenti, la stessa mimica facciale e i medesimi vestiti e movimenti. Per vederlo sarà necessario indossare i visori HoloLens proprietari che sono un po’ la porta d’ingresso di questo mondo a metà tra l’entusiasmante e l’inquietante. Una sorta di inverso dell’holodeck di Star Trek, insomma. Ovviamente non è un ologramma nel vero senso della parola dato che la persona catturata non appare se non attraverso la vista con gli occhiali tecnologici, ma è già un ottimo inizio.

    Arriverà probabilmente il giorno in cui non serviranno nemmeno più questi tramiti. Quali applicazioni potrebbe avere questa tecnologia così sorprendente? Dai meeting e riunioni intercontinentali come se si fosse tutti nella stessa stanza ai videogiochi ancora più realistici fino alle “chat” in realtà virtuale. E poi c’è il terreno delle luci rosse, come suggerito da tantissimi utenti: sembra uno scherzo, ma alla fine non lo è, può davvero diventare la nuova frontiera della fruizione dei contenuti per adulti!

    979

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Curiosità TechMicrosoftTecnologia

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI