Google Assistant: 5 motivi per cui è meglio di Siri

Google Assistant: 5 motivi per cui è meglio di Siri

Perché l'assistente vocale di Big G sarebbe meglio di quello della Mela

da in Apple, Google, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    Google Assistant: 5 motivi per cui è meglio di Siri

    Con l’arrivo di Google Assistant è inizia la battaglia tra giganti anche per quanto riguarda il mondo degli assistenti vocali per smartphone. Il principale diretto concorrente di Google è ovviamente Siri di Apple e c’è da scommetterci che la battaglia si farà sempre più accesa, dato che stanno per arrivare sul mercato Google Pixel e Pixel XL, ossia i primi smartphone ad incorporare proprio l’assistente vocale di Google.

    Ad una prima comparazione tra Google Assistant e Siri, il primo sarebbe in grado di battere il secondo su almeno cinque diversi punti di vista. Quali? Scopriamoli.

    Il primo punto di forza di Google Assistant, che lo posizionerebbe una spanna sopra Siri, è che sarebbe in grado di fornire migliori risposte. Non male dato che una delle funzioni principali di un assistente vocale è proprio quella di dare risposte utili all’utente. E d’altra parte Google Assistant può contare sul miglior database al mondo (quello del motore di ricerca di Google appunto).

    Il fatto che Google Assistant sia in grado di trovare video su YouTube in modo assai più facile – e migliore – di Siri, sarebbe dovuto alla logica conseguenza che YouTube appartiene a Google. Un dettaglio non di poco conto.

    google assistant vs siri

    Le comparazioni, fino a questo momento, sono avvenute soprattutto servendosi della lingua inglese ma pare che Google Assistant sia in grado di comprenderlo meglio di Siri (e di conseguenza sia in grado di fornire risposte più accurate e attinenti). Il punto forte dell’assistente vocale di Google sembrerebbe proprio il fatto di riuscire a comprendere l’inglese tipico delle conversazioni.

    Altro punto forte di Google Assistant è il fatto che permette di tradurre qualsiasi tipo di frase in un’altra lingua, servendosi del traduttore di Google. Una caratteristica, questa, che lo distingue nettamente da Siri, dato che l’assistente vocale di Apple non è attualmente in grado di tradurre alcunché.

    Un altro punto forte che dividerebbe nettamente Google Assistant da Siri sarebbe la ricerca di eventi che stanno per arrivare. L’assistente vocale di Google è infatti in grado di trovare eventi basandosi sulla localizzazione e l’ora. Siri, al contrario, sarebbe soltanto in grado di eseguire ricerche su Bing.

    516

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AppleGoogleTecnologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI